Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

L'isola di Arturo - Elsa Morante

Elsa Morante riesce a darci una narrazione dal sapore classico ottocentesco con un lessico prezioso e contenuti moderni. Arturo vive in una dimensione dove ogni cosa assume il significato di mito, di miracolo, anche il rapporto con la natura è poetico, sente che tutto è collegato e connesso.

L'unica storia - Julian Barnes

Scrittore famosissimo inglese, uno dei grandi narratori del nostro tempo; l'idea di Barnes è di raccontare qualcosa che è stato raccontato mille volte, ma cambiare l'intenzione dei soggetti. Il testo è diviso in tre parti, la prima scritta in prima persona, la seconda in seconda persona e la terza in terza persona coronando una parabola di crescita del personaggio. La bravura dello scrittore nel raccontare, lascia a bocca aperta.

Un adulterio - Edoardo Albinati

Un racconto di una coppia di adulteri, un uomo e una donna rispettivamente sposati con altre persone che si danno appuntamento per un week end su un'isola. La tematica è "trita e ritrita", niente di nuovo è stato apportato, ma Albinati ha una scrittura molto elegante per raccontare queste storie e il testo intrattiene il lettore piacevolmente per un paio d'ore.

Sostiene Pereira - Antonio Tabucchi, Pierre-Henry Gomont

Nel Portogallo fascista di Salazar, il vedovo Pereira, direttore della pagina culturale di un piccolo giornale locale, riemerge dal profondo della sua vita mediocre e apatica. Le circostanze gli consentono di fare un atto di affermazione umana, una presa di coscienza etica che lo cambierà per sempre, trasformandolo in eroe. Pereira è un uomo retto, umano, capace di ribellarsi all'assurdità delle imposizioni, aprendosi al cambiamento e alla solidarietà verso gli altri. Profondo, delicato, discreto e fortissimo, come il suo protagonista.

Nel cuore della notte - Marco Rossari

Rossari è un maestro della prosa, un romanzo incredibile, molto attuale, ci sono riflessioni sull'amore, sulla politica, sulla morte, sulle perversioni della società. I personaggi sono molto ben caratterizzati e il ritmo narrativo è altissimo; una ode alla debolezza, all'incapacità di vivere con uno sguardo ironico, sarcastico. Lo stile di Rossari non permette al romanzo di diventare malinconico ma lo tiene sempre su un livello autoironico, testo godibile che, una volta finito, dà una sensazione di completezza e di sazietà al lettore.

Una scrittura femminile azzurro pallido - Franz Werfel

Libro ambientato in Austria, una storia d'amore che ritorna dal passato per distruggere tutto ciò che si è costruito nel presente. Gli ebrei nel 1938 erano costretti ad emigrare e al centro di questa relazione amorosa c'è Leonida, arrivato ad alte cariche ministeriali, e Vera che è ebrea ed ha un segreto che potrebbe mettere a repentaglio l'onore del protagonista. Breve romanzo morale.

Ornamento - Juan Cárdenas

Romanzo letterario che utilizza la distopia per raccontare altro; l'elemento distopico è l'esistenza di una droga che ha effetto solo sulle donne ed è la sperimentazione di questa droga l'oggetto del racconto. Ci sono una quindicina di pagine fortissime, intorno c'è una cornice che funziona bene, ma è pur sempre una cornice.

Marina - Carlos Ruiz Zafón

Barcellona anni '70, un ragazzo quindicenne che vive in collegio, ha una smisurata voglia di conoscere il mondo e appena riesce, fugge dalla scuola per qualche ora e vagabonda per le strade. In uno di questi giorni, durante una passeggiata, viene rapito da una melodia che proviene da una villa antica, entra e comincerà per lui un'avventura che lo spingerà verso la fine della sua adolescenza.

Lasciami andare, madre - Helga Schneider

Rappresenta la seconda parte dell'autobiografia dell'autrice e qui parla della madre che è una figura mancata nella sua vita, perchè nel 1941, durante la prima fase della seconda guerra mondiale, lei abbandonò i suoi due figli per arruolarsi alle SS e lavorare come guardiana nei campi di concentramento nazisti e lo fece perchè credeva fortemente nella causa, al punto da ritenerla più importante della sua famiglia. La Shneider soffrì molto di questa mancanza e tentò un riavvicinamento trenta anni dopo, ma fallì in quanto la madre non dimostrò nessuna buona volontà di voler riallacciare i rapporti con lei. In questo libro si descrive il secondo tentativo dopo ventisette anni e dopo cinquantasette dall'abbandono, ma ormai la donna si trova in una casa di cura ed è molto anziana. La scrittrice cerca di estorcerle il motivo del non pentimento per quello che ha fatto; è un testo di ricordi, rancori e dialoghi, si va indietro nel tempo toccando la tematica dell'olocausto. Libro breve e consigliato.

Orologi rossi - Leni Zumas

Libro che parla della maternità da tanti punti di vista perchè le protagoniste che raccontano questa storia sono quattro più una guest star. Le quattro donne americane hanno un modo diverso di rapportarsi alla maternità; c'è chi ha rinunciato, c'è chi la persegue in tutti i modi; c'è chi si pente di aver avuto figli, c'è chi si trova nella condizione di aspettare un figlio suo malgrado. Libro che parla un pò con tutti, gli orologi rossi sono gli uteri delle donne che hanno una data di scadenza, che scandiscono il tempo...

Ottanta rose - Cristiano Cavina

Libro che si legge d'un fiato perchè cattura l'attenzione; è una corsa irrefrenabile verso una caduta. La protagonista è una ragazza raccontata attraverso gli occhi del personaggio maschile; per problemi economici, decide di prendere la strada della prostituzione. Viene fuori da questo romanzo un quadro dettagliato, uno spaccato degradato, squallido, tristissimo di quello che è il mondo di una prostituzione casalinga. La scrittura dell'autore rende tutto questo molto incalzante, il testo narra di dove si può arrivare, fino a che punto ci si può spingere per difendere un sogno...... ma anche in mezzo al fango crescono le rose e la protagonista, nel suo sacrificio, riesce ad avere qualcosa di eroico, pur facendo delle scelte opinabili, rimane sempre al di sopra di tutto, rimane un personaggio vincente.

Nipponia Nippon - Abe Kazushige

Testo particolare, un'opera ossessiva nel suo genere; Nipponia Nippon è l'uccello illustrato in copertina, un volatile estinto in Giappone, ce ne sono pochissimi in Cina. Cosa gira intorno a questa ossessione? Un ragazzo, un diciassettenne che vede la sua vita collegata quasi dal destino a questi volatili. Un libro che richiama il Giappone più puro rispetto ai testi attuali, stile classico, interessante autore.

La schiuma dei giorni - Boris Vian

La prosa di Vian si lancia in un delirio surreale capace di destare emozioni; all'inizio la lettura è faticosa, piano piano si prende l'abitudine alla prosa artificiosa e si segue la storia d'amore tra Colin e Chloè che sarà tutt'altro che allegra e spensierata. A mio avviso è un libro per pochi.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate