Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Un bicchiere di rabbia - Raduan Nassar

Pubblicato nel 1978, questo libro ha segnato il successo dell'autore ed il suo ritiro; infatti ha abbandonato la scrittura per dedicarsi all'agricoltura nella propria fattoria. E' una storia politica, partendo dalla collocazione storica; lui è il fascista gretto e privo di tensione al cambiamento e lei la progressista ipocrita e populista. La sensualità e la corporalità sono pure elementi fondamentali della storia, scritta in un linguaggio barocco teatrale e anti-realistico. Consigliato, si legge velocemente e restituisce molto.

La ragazza che sorrideva perline. Una storia di guerra, di vita, di speranza

Attraverso gli occhi di una bambina/ragazzina diventata adulta prima del tempo, la testimonianza del genocidio del Ruanda, storia tremenda che ha scosso le nostre coscienze ma comunque ricca di grandi insegnamenti per tutti noi. La narrazione del suo conflitto interiore e della sua voglia di "nascondersi" al resto del mondo e di essere sempre in guerra con esso, l'ho trovata un po pedante e ridondante.

Gibì Baronchelli - Gian-Carlo Iannella

Non e' riuscito a vincere quanto avrebbe meritato ma con tutti i piazzamenti, oltre alle 90 vittorie, non si può definirlo un "incompiuto". Prima di essere un grande corridore è stato un Uomo e un atleta umile e corretto, virtù che nel mondo del ciclismo non sempre sono apprezzate (leggasi i suoi dissapori con lo sceriffo Moser). Il libro in sé comunque non è un granché anche se tutto sommato si legge scorrevolmente.

Colazione da Tiffany - directed by Blake Edwards

Il libro presenta una doppia natura, quella brillante e quella della disperazione; è un romanzo sulla disillusione. Holly è una "mantenuta" che vive in un appartamento provvisorio, si fabbrica illusioni e non guarda in faccia alla realtà, la continua fuga è il suo segno distintivo, non si sente mai a casa. Il libro si discosta molto dal film famosissimo che tutti avranno visto e lascia un finale aperto.

L'insostenibile leggerezza dell'essere - Milan Kundera

Il linguaggio del libro è filosofeggiante, molto raffinato, è un romanzo che tratta la storia, la comunicazione, l'amore spirituale e carnale. Un libro dove è presente molta letteratura, un testo complesso che però si legge con un' insostenibile leggerezza. Il tema è sostanzialmente quello della leggerezza in opposizione alla pesantezza, il tutto rappresentato benissimo dalle due figure femminili Sabina e Tereza.

Marie aspetta Marie - Madeleine Bourdouxhe

Questo libro è un'indagine psicologica femminile in prosa elegante. La protagonista è eccezionale e tratteggiata con molta dovizia; Marie è una donna innamoratissima del marito e soddisfatta della sua vita, del suo matrimonio ma........ verrà a visitarla il desiderio. Marie sta cercando se stessa, si aspetta da sola ( Marie aspetta Marie ) e capisce che per amore è necessario, a volte, chiudere o ribaltare una storia.

Middlesex - Jeffrey Eugenides

Lettura travolgente. Eugenides riversa tutto il suo genio in Middlesex, una storia non convenzionale che attraversa tra dramma e ironia le vicende di tre generazioni e del mondo che cambia con loro. Per chi non si lascia intimorire dalla mole di pagine e ha voglia di affezionarsi ai tanti personaggi, specialmente al protagonista. Letteralmente divorato.

Più forte del buio - Oney Tapia

Libro autobiografico molto interessante.
Il protagonista parla della sua vita prima e dopo l'incidente sul lavoro che lo ha reso cieco.
Attraverso le sue vicissitudini possiamo imparare una grande lezione di vita: non arrendersi mai e fare di ogni ostacolo una nuova opportunità.
Non piangersi addosso dopo ogni caduta, ogni fallimento, ogni sventura che ci possa capitare può essere un primo passo per una nuova rinascita, come lo è stato per lui.
Porsi dei nuovi riferimenti, dei nuovi obiettivi, magari del tutto diversi da quelli prefissati, può aiutare a superare momenti difficili che altrimenti non sarebbe possibile affrontare.
Bello e consigliato a chi crede che la disabilità sia un ostacolo ad una vita normale e piena di soddisfazioni.

Quasi felice - Luisa Rovaris

Poi leggi un libro piccolo piccolo e ci ritrovi un pezzo di vita... Bello bello bello. Anche se parla di una cosa bruttissima come può esserlo una malattia che porta via la mente... Sì perché l'autrice dedica questo libro a sua madre, così dolce senza mente❤️
Un pezzo di vita perché sono sicura di aver riconosciuto in questa madre così dolce una professoressa che ho avuto alle scuole medie... Tanti piccoli tasselli che hanno ricomposto un puzzle... Tante piccole storie riguardanti donne diverse tra loro ma accomunate da antiche amicizie o dalla stessa malattia, tante piccole storie che portano in un'unica direzione e ad un'amara consapevolezza :la malattia mentale può colpire chiunque, non importa se sei una professoressa o un operaio, un contadino, un ingegnere, un dottore... A mitigare quest'amarezza la dolcezza infinita che l'autrice trova ancora nella madre, lontana e persa irrimediabilmente nella trappola della malattia, ma ancora tanto viva nei ricordi d'infanzia e nel cuore. ❤️

Il buon vecchio sesso fa paura - Arlene Heyman

Sincera sincera, mai letto un libro più deprimente di questo. Sette racconti, praticamente sette storie raccontate da uno psicanalista, riguardanti il sesso in tarda età, o in persone malate ma che comunque ancora sognano, desiderano, forse amano. Lo so, purtroppo, è realtà, la vita scorre per tutti, si diventa anziani e con mille acciacchi o malattie, ma non sentivo proprio il bisogno di vedere nero su bianco ciò che potrebbe accadere a me o ai miei familiari. Sconsigliato vivamente a chi non vuol deprimersi e perdere l'anima sognatrice e ottimista che sta in ognuno di noi.