Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2015

Trovati 4972 documenti.

Mostra parametri
LABC delle mie emozioni, 8-13 anni
0 0 0
Risorsa locale

Di Pietro, Mario

LABC delle mie emozioni, 8-13 anni : programma di alfabetizzazione socio-affettiva secondo il metodo REBT / Mario Di Pietro

Trento : Erickson, 2015

Abstract: Basato sul libro "L'ABC delle mie emozioni 8-13 anni", la nuova edizione del programma "L'ABC delle mie emozioni 8-13" vuole tracciare un aggiornamento degli ultimi esiti della Terapia Razionale Emotiva Comportamentale, in particolare sugli aspetti che riguardano l'intervento su soggetti in età preadolescenziale. Attraverso una serie di attività basate sul metodo dell'Educazione Razionale Emotiva (ERE), i ragazzi imparano a gestire le proprie emozioni e a riconoscere i meccanismi mentali ad esse sottesi, grazie anche ai consigli che vengono forniti durante il percorso di apprendimento per affrontare nel modo più adeguato tipiche situazioni di difficoltà, dalle incomprensioni con i compagni all'ansia nell'ambiente scolastico. Il programma si propone di aiutare i ragazzi a imparare a minimizzare l'impatto di stati d'animo spiacevoli, presentando l'esperienza di emozioni positive allo scopo di far acquisire sicurezza, autostima e un generale benessere emotivo. Per rinforzare ciò sono presenti due giochi, uno con le carte delle emozioni e un originale "gioco dell'oca", dove l'elemento della sfida diventa un incentivo per ragionare e rispondere correttamente alle domande sulle emozioni.

Nel paese di Grammatica
0 0 0
Risorsa locale

Colli, Rossana - Colli, Monica - Di Corato, Angela

Nel paese di Grammatica : giochi e attività per la scuola primaria : verbo, aggettivo, nome e altre parti del discorso / Rossana Colli, Monica Colli e Angela Di Corato

Trento : Erickson, 2015

Abstract: Ispirato al libro "Nel paese di Grammatica", questo software presenta un metodo innovativo di avvicinare gli alunni dei primi anni della scuola primaria alla grammatica. Attraverso racconti, poesie in rima e la personificazione degli elementi grammaticali, i bambini impareranno a riconoscere i principali elementi della frase (verbi, aggettivi, congiunzioni, nomi, articoli, preposizioni semplici e articolate e pronomi personali). In questo percorso i bambini della seconda classe saranno accompagnati dalla dolce maestra Maria Sole, che presenterà loro la storia de "I tre fratelli" e successivamente una serie di attività grammaticali che prendono spunto proprio dalla storia narrata. La professoressa Grammatica sarà invece la guida degli alunni delle classi terza e quarta: assieme a lei, i bambini conosceranno Re Discorso e la sua corte e si eserciteranno a riconoscere le parti del discorso attraverso divertenti attività. Il software, pensato sia per una didattica inclusiva e cooperativa in classe con la LIM, sia per un percorso di apprendimento da svolgere a casa, integra l'approccio della psicogrammatica montessoriana a impulsi fortemente artistici ed evocativi.

Tabelline che passione!
0 0 0
Risorsa locale

Greco, Barbara

Tabelline che passione! / Barbara Greco

Trento : Erickson software, 2015

Abstract: L'apprendimento delle tabelline è forse il primo grande impegno cognitivo richiesto ai bambini all'inizio del percorso scolastico, soprattutto perché esse rappresentano un insieme poco significativo di dati, di difficile comprensione e memorizzazione. Il software si presenta come un programma didattico completo e allo stesso tempo stimolante per l'esercitazione nelle tabelline dall'1 al 10. I numeri sono inseriti all'interno di divertenti filastrocche animate, cantate sulle note di melodie conosciute dalla maggior parte dei bambini, per cui lo sforzo necessario alla memorizzazione viene notevolmente ridotto, anche grazie all'effetto di richiamo esercitato dalle rime. Il programma, indicato per bambini di livello prescolare e primi anni della scuola primaria e per quelli più grandi con difficoltà di apprendimento, prevede un livello base, che propone un apprendimento tradizionale di tipo mnemonico, e un livello avanzato, che dimostra l'alternanza regolare dei numeri attraverso le immagini di montagne, esplorabili attivamente da parte del bambino. Controlli e verifiche avvengono sotto forma di giochi, in più ci sono allegre tavole riassuntive e gli spartiti delle filastrocche.

L'incanto delle sirene. Un'indagine dell'ispettore Ferraro
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Biondillo, Gianni

L'incanto delle sirene. Un'indagine dell'ispettore Ferraro

Guanda, 24/09/2015

Abstract: "Biondillo tira i fili, si diverte con qualche scherzetto al lettore, si dilunga sull'umanità (o mancanza di) delle sue creature" L'Unità"Anche questa volta Gianni Biondillo ci ha preso"Ilfattoquotidiano.it"Il miracolo ancora una volta si rinnova: c'è il giallo, costruito maneggiando con perizia tutti gli strumenti del caso; c'è Milano"Ilfattoquotidiano.it "Gianni Biondillo i lettori non li delude mai" Il GiornoCerte volte a Milano il caldo può essere insopportabile perfino a settembre. La città ricomincia la sua attività più nervosa di prima. Anche l'ispettore Ferraro ha ripreso a lavorare, acciaccato dagli anni nel corpo e nell'animo. E sarebbe ben felice di potersi defilare se non si trovasse sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato. Insomma, forse Ferraro le vacanze doveva prendersele durante la settimana della moda, nei giorni in cui la città sembra letteralmente impazzire. Mai come questa volta però, dopo il clamoroso omicidio di una top model durante una delle sfilate più attese e la conseguente ricaduta mediatica. Bisogna scoprire assolutamente chi è l'assassino, ne va della reputazione e della sicurezza nazionale. Il caso non dovrebbe essere affidato a Ferraro ma nel mondo della moda c'è chi lo conosce bene: Luisa Donnaciva. Sarà lei a obbligarlo a indagare sull'omicidio, con esiti e svolte sorprendenti. Intorno all'ispettore, e al rarefatto ambiente in cui indaga, c'è un altro mondo che si agita, lottando per sopravvivere: ci sono Mimmo e i suoi rapporti conflittuali con la nuova malavita del quartiere; c'è il Baffo che vuole tornare a casa perché sente che la sua esistenza è ormai al termine; c'è Aisha, una bambina in fuga da una guerra al di là del Mediterraneo. E c'è la scrittura di Biondillo, che ride, piange e si emoziona assieme ai suoi personaggi.

Il vagabondo delle stelle
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

London, Jack - Sapienza, Davide - Williams, Jay

Il vagabondo delle stelle

Feltrinelli Editore, 24/09/2015

Abstract: Edizione del centenario di un classico longseller di Jack London. Uscito nel 1915, un anno prima della sua scomparsa, l'ultimo romanzo del prolifico autore statunitense Il vagabondo delle stelle fu un "caso" per la scabrosa tematica della pena di morte e dei maltrattamenti "legalizzati" nelle carceri californiane e per la forte critica sociale che lo pone tra le opere assolute di London, e nel tempo è diventato uno dei romanzi preferiti dei suoi lettori. Per la prima volta la traduzione e la curatela partono da approfonditi studi accademici, dando un amalgama nuovo alla storia complessa e mozzafiato del condannato a morte Darrell Standing (il laico London disse che questo era il suo "romanzo di Gesù") con Jake Oppenheimer e Ed Morrell, personaggi realmente esistiti. Il protagonista, in isolamento, riesce grazie alla autoipnosi a vivere esperienze extracorporee e a rivivere vicende storiche come il massacro di Mountain Meadows e l'uccisione di Gesù. In anticipo sui tempi, Il vagabondo delle stelle contribuì a cambiare le leggi carcerarie della California; mentre la sua sconcertante attualità fa ancora riflettere sui metodi della giustizia e della rieducazione sociale.

Il castello di Otranto
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Walpole, Horace - Éluard, Paul - Carlotti, Giancarlo

Il castello di Otranto

Feltrinelli Editore, 24/09/2015

Abstract: Il romanzo gotico è per certi versi un calco creativo dello schema imposto da Walpole: ambientazione arcaicizzante, castello, labirinto, sotterranei, scene notturne, damigelle in pericolo, fughe, minacce sessuali, elementi di soprannaturale, presenza pervasiva del doppio, il sogno infilato all'interno della trama. Quella del romanzo gotico è una stagione che può essere compresa tutta nel periodo 1778-1820, ma il sentimento gotico esonderà da quel quarantennio, per diventare un filone letterario inesauribile che si tramanderà ciclicamente fino ai giorni nostri, diramandosi in vari sottogeneri, dalla fantascienza al romanzo storico, attraverso Poe, Le Fanu, Stoker, Machen, Bierce, Lovecraft, fino a Joyce Carol Oates, Anne Rice, persino Burroughs e Ballard, fino al cinema splatter che tuttora rispetta religiosamente le convenzioni walpoliane: la casa nel bosco, i sotterranei, la componente sessuale, gli antri bui, le evocazioni soprannaturali. Non sembrano passati due secoli e mezzo da Il castello di Otranto al film horror Quella casa nel bosco. Walpole detta ancora la trama.

Gli ipocriti
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Mazzoni, Eleonora

Gli ipocriti

Chiarelettere, 24/09/2015

Abstract: "Non so perché, i miei ridono solo fuori di casa, mai dentro."L' inautenticità del mondo degli adulti e dei loro valori attraverso il racconto di un'adolescente. Un romanzo tenero, vitale e drammatico su finzione e verità, sul bisogno di conformarsi e quello di essere profondamente se stessi. Una dichiarazione d'amore soffocata dall' ipocrisia.Manu ha quindici anni e mezzo, non è bella, si considera un po' sfigata, non si trucca, non porta minigonne e fa parte, insieme ai genitori, di un gruppo cattolico carismatico e intransigente che a volte le va stretto, ma è sempre meglio del mondo che c'è fuori. Manu non è come molte sue coetanee, che sanno cosa vogliono e come si fa a stare con i ragazzi. Lei no.Un pomeriggio apre un cassetto di suo padre e trova una confezione di preservativi. Comincia allora a spiarlo, scoprendo la sua vita segreta. Ecco com'è il vero mondo degli adulti. Manu smette di credere nelle parole vuote di don Ettore, negli insegnamenti finti di suo padre Amedeo, nelle impacciate dimostrazioni d'affetto della madre Sara, nel rovinoso tentativo d'amore con Sam. Meglio l'irriverenza della sorella Valeria o la superficialità simpatica e sgangherata della compagna di classe Linda. Soprattutto quando un evento imprevisto rimescola ulteriormente le carte.Eleonora Mazzoni è bravissima a entrare dentro gli umori, i dubbi e le ribellioni di un'adolescente alla ricerca della sua identità. E ci consegna un ritratto vivido e sincero di una famiglia religiosa, perbene e ipocrita dove Dio, così a lungo evocato, è lontanissimo, e le miserie e le debolezze umane sono alla fine il punto di partenza che permette a tutti i personaggi di ricomporre il proprio destino.

Free. Il Cerro Torre e io
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Lama, David - Seiler, Christian - Montagna, Valeria

Free. Il Cerro Torre e io

Corbaccio, 24/09/2015

Abstract: DAVID LAMA È UN GIGANTE DELL'ALPINISMO CONTEMPORANEO."Non hai la minima possibilità di farcela!" Così ha detto la leggenda dell'arrampicata sportiva Jim Bridwell, quando David Lama gli ha sottoposto il suo piano. Ma David, allora diciannovenne campione europeo di arrampicata, non si è lasciato scoraggiare: voleva salire in libera la via del compressore del Cerro Torre, 900 metri di granito verticale che negli anni, a partire dal tentativo di Cesare Maestri, era stata teatro delle imprese incompiute e più spettacolari dell'alpinismo mondiale. Ha trascorso tre inverni ai piedi della vetta leggendaria della Patagonia, fino a quando, nel gennaio 2012, insieme al compagno di arrampicata Peter Ortner, David Lama è finalmente riuscito ad arrivare in cima al Cerro Torre, in libera, e a spostare ancora un po' più in là l'asticella dell'"impossibile" nell'alpinismo.

Curarsi con la scrittura. Diventa autore della tua storia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Fiori, Fulvio

Curarsi con la scrittura. Diventa autore della tua storia

TEA, 24/09/2015

Abstract: "Ho scritto questo libro per offrire a chi desidera scoprire se stesso, evolvere, rinascere a nuova vita (e persino guarire!), uno strumento semplice e potente, che è la sintesi fortunata di due cammini personali: quello di scrittore e quello di professionista del benessere. In entrambi i campi ho avuto maestri eccellenti ed esperienze profonde, che mi hanno permesso di dare una risposta alla voce interiore che da sempre mi chiede di trovare un senso all'arte e all'espressione, che non sia soltanto bellezza ed emozione, ma anche aiuto quotidiano, concreto. Così è nato Healing Writing, la scrittura che cura, un metodo olistico messo a punto attraverso studi, approfondimenti e sperimentazioni, e poi seminari, corsi e laboratori. Un metodo grazie al quale la potenza creativa della parola scritta viene messa al servizio del benessere psicofisico profondo, per contenere l'Ego, sviluppare l'Io e riconoscerlo nelle altre persone, sempre con rispetto ed empatia."

Il mito della dieta. La vera scienza dietro a ciò che mangiamo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Spector, Tim

Il mito della dieta. La vera scienza dietro a ciò che mangiamo

Bollati Boringhieri, 24/09/2015

Abstract: Ogni anno sugli scaffali delle librerie vediamo fiorire nuove ricette miracolose pronte a promettere con le loro diete percorsi più o meno facili per perdere peso, e vivere più sani e felici. Ora, grazie a Il mito della dieta, abbiamo finalmente a disposizione un antidoto contro le false promesse di dietologi e ciarlatani. Per capire come funziona l'apporto nutrizionale nella nostra specie ci mancava qualche ingrediente fondamentale: il 60-70% del nostro peso è dovuto alla nostra costituzione genetica, e quindi non ci possiamo fare granché. Resta però quel 30-40%, sul quale possiamo intervenire. Ma come? La risposta si chiama "microbioma", ovvero quella complessa, variabile e poco conosciuta flora batterica che vive nel nostro intestino e che lungi dall'essere un inquilino indesiderato del nostro organismo, è una componente fondamentale per il nostro benessere. Dobbiamo dunque imparare a rispettare e curare questi batteri amici e a coltivare la biodiversità che incosapevolmente ospitiamo.

La carta è stanca. Una scelta
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Ceronetti, Guido

La carta è stanca. Una scelta

Adelphi, 24/09/2015

Abstract: Fin dal suo apparire, nel 1976, "La carta è stanca" fu oggetto di un culto fervente da parte di un gruppo di lettori il cui numero è andato crescendo con gli anni. E se la prima edizione era, com'è stato detto, una sorta di autoritratto, questa seconda lo aggiorna, restituendoci, in tutta la loro attualità, alcuni tra i più straordinari di quei densissimi saggi. Così, accanto a certe fulminee perlustrazioni nei cunicoli del passato (i grandi amori che da pellegrino devoto Ceronetti torna regolarmente a visitare: Bosch, i catari, Munch, Sade, Lucrezio, Céline), il lettore ritroverà, o scoprirà con delizia, testi che affrontano questioni su cui la polemica è oggi non meno rovente di quanto lo fosse venticinque anni fa: l'aborto e la scuola, la violenza e l'eutanasia – nonché alcune delle più idiosincratiche e vertiginose delle sue divagazioni: da quella sul diavolo a quella, esilarante, sul "male di laurea". Ma Ceronetti è l'opposto di ciò che, in gergo giornalistico, si chiama un "opinionista": le sue tesi, spesso estreme e provocatorie, non provengono mai da quella macchina per produrre opinioni al cui funzionamento sovrintendono tanti intellettuali. Per Ceronetti "l'arte suprema della parola è illuminare senza farsi troppo capire": ognuna delle sue tesi si presenta avvolta da tutti i fili del pensiero, intollerante di semplificazioni, consapevolmente carica di ambiguità e contraddizioni. Ed è proprio questo che accresce l'efficacia dei suoi testi: l'attualità viene sottratta all'appiattimento forzato e rituffata nel bagno oscuro delle forze che la determinano.

La repubblica dell'immaginazione
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Nafisi, Azar

La repubblica dell'immaginazione

Adelphi, 17/09/2015

Abstract: Celebre per il seminario clandestino nel quale, durante il governo degli ayatollah, insegnava alle sue migliori allieve dell'Università di Teheran i grandi autori di lingua inglese, Azar Nafisi, oggi cittadina americana, ci parla del valore inestimabile della letteratura "in una società che sembra concedere tutte le libertà": anche qui, infatti, ha bisogno di essere difesa, diffusa e studiata strenuamente, quale vero antidoto alla "pigrizia dell'intelletto". L'interpretazione di tre classici – "Huckleberry Finn", "Babbitt" e "Il cuore è un cacciatore solitario" – intessuta, come in Leggere Lolita a Teheran, di frammenti autobiografici, trasmette così una visione della letteratura come rifugio e al tempo stesso come mezzo di eversione pubblica e privata. E come sogno: un sogno condiviso, nella Repubblica dell'immaginazione, da quei lettori che non conoscono frontiere o libri proibiti e che sanno apprezzare le parole di Francis Scott Fitzgerald: "Spingi la sedia sull'orlo del precipizio e ti racconterò una storia"

Questa vita tuttavia mi pesa molto
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Franzosini, Edgardo

Questa vita tuttavia mi pesa molto

Adelphi, 17/09/2015

Abstract: Ciò che fa di Edgardo Franzosini uno scrittore diverso da qualsiasi altro è la sua capacità di raccontarci storie vere di personaggi, generalmente poco noti, che sembrano inventati per quanto sono fuori del comune. In questo libro Franzosini ci regala un'altra delle sue ipnotiche "vite immaginarie" percorrendo, con quella visionarietà e quella levità che lo contraddistinguono, la breve, singolare esistenza dello scultore Rembrandt Bugatti (fratello di Ettore, il fondatore della casa automobilistica, il quale sceglierà proprio il suo Elefantino danzante per il tappo della lussuosissima Bugatti Royale), divenuto celebre negli anni Dieci del Novecento per i suoi bronzi raffiguranti animali, di preferenza non domestici: tigri, giaguari, pantere, elefanti, leoni... Con gli animali Bugatti ha sempre vissuto in una sorta di struggente empatia, passando ore e ore davanti alle gabbie del Jardin des Plantes, a Parigi, o negli splendidi edifici orientaleggianti dello zoo di Anversa, a guardarli vivere, muoversi, mangiare, soffrire – identificandosi totalmente con loro. Al punto da subire un autentico shock allorché, di fronte alla minaccia dei bombardamenti tedeschi, le autorità del Belgio decisero di sterminare tutte le bestie dello zoo. "Non sono in molti" ha scritto Giuseppe Pontiggia a proposito di Franzosini "a scrivere libri che hanno questa leggerezza e questo humour discreto".

La folle biblioteca di nonna Huld
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Leifsson, Thórarinn

La folle biblioteca di nonna Huld

Salani Editore, 17/09/2015

Abstract: Albertína ha undici anni, e vive con i suoi genitori nel nuovissimo complesso residenziale La Gabbia Dorata, in un appartamento senza libri, perché la lettura è considerata dannosa per i bambini e da tempo è stata bandita ogni forma di parola scritta e di informazione. Il suo unico rifugio è il bagno, dove può leggere cose interessanti come "balsamo nutriente per capelli" e "una pastiglia due volte al giorno". La città intorno a lei è ostile e deserta, le gru dei cantieri incombono ovunque e i suoi genitori sono sempre tristi e preoccupati per le continue visite di un rappresentante della perfida Banca Aurea, detentrice del mutuo stipulato per l'acquisto di quel terribile appartamento. Anche a scuola, nell'Istituto Cimici, le cose non vanno molto meglio, visto che gli studenti devono calcolare rate e interessi tutto il giorno. Ma poi, un giorno, nell'asettica Gabbia Dorata arriva la trisavola di Albertína, la bizzarra Nonna Huld, con la sua sterminata, polverosa e interessantissima biblioteca e ha inizio la più straordinaria delle avventure per salvare il mondo dalla cattiveria e dall'ignoranza.

Ultime notizie dalla famiglia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Pennac, Daniel - Melaouah, Yasmina

Ultime notizie dalla famiglia

Feltrinelli Editore, 24/09/2015

Abstract: Ultime notizie dalla famiglia. Dalla famiglia Malaussène, si intende. Dalla tribù di Belleville che popola, felice, l'immaginazione dei lettori e continua ad accendere quella del suo autore. Daniel Pennac ci fa sapere che la famiglia fa ancora rumore, che lascia echi, scie, code. Come i due testi che mettono le ali a questo volume: "Signor Malussène a teatro", un esilarante monologo sulla paternità, e "Cristianos y moros", un racconto breve che fa luce sul Piccolo, sulla sua caparbia volontà di conoscere l'identità del padre naturale. A saga conclusa, insomma, Pennac riapre le pagine dei suoi romanzi per evocare nuove figure, nuovi umori, nuove situazioni, per ridare la parola al coro della sua balzana famiglia e rispondere con la sua saggezza discreta al caos abissale del nostro tempo.

Gli ospiti paganti
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Waters, Sarah

Gli ospiti paganti

Ponte alle Grazie, 08/10/2015

Abstract: "GRANDISSIMO, MAESTOSO ROMANZO. È COSÌ CHE SI SCRIVE!" STEPHEN KING "Gli ospiti paganti conferma il talento superbo della Waters, insuperata testimone letteraria di epoche perdute e vite segrete."The Times "Come accade con tutti i romanzi della Waters, verrete stregati da ogni pagina... Invano ho cercato di trovare anche un sola cosa negativa da dire su questo libro."Financial Times "Con Gli ospiti paganti Sarah Waters ha scritto sia una bella storia d'amore, sia un romanzo psicologico cupamente ricco di suspance... il lettore dovrà affrontare un giro sulle montagne russe che lo lascerà letteralmente senza fiato."The Washington Post "Se ne è accorto Stephen King, ammiratore entusiasta della Waters, la cui prosa avanza (come in King) con un'incrollabile ricchezza di tensione e di azione"la Repubblica - Leonetta Bentivoglio"Sarah Waters è una delle migliori narratrici viventi."The Indipendent "Sarah Waters immerge il lettore nella vita londinese del dopoguerra... E, alla fine, la sua bella rievocazione storicca, ricca dell'atmosfera del tempo, cede il passo a una domanda più universale: cosa fai tu per amore?"The Economist "Un intreccio magistrale di crimine, vita domestica e passione romantica."Los Angeles Times Londra, 1922. La città porta ancora i segni della recente guerra: sono molte le cose che hanno bisogno di essere ricostruite, restaurate, molte le ferite da sanare, molti i cuori da riscaldare. Una madre e una figlia, i cui uomini di famiglia son stati portati via dalla guerra, sono costrette ad affittare alcune stanze della loro casa per sbarcare il lunario. Gli ospiti paganti sono una coppia di giovani sposi, che con la loro allegria e sensualità portano una ventata di aria fresca nelle polverose stanze dell'appartamento. Ma anche turbamento. I rumori, i passi, gli incontri in bagno, sul pianerottolo, la condivisione della vita quotidiana: un'intimità con estranei a cui le due donne non sono abituate. Lo scenario cambia velocemente, e molti fatti accadono nel vecchio appartamento che sembrava destinato a una vita fatta di piccole abitudini e di noia: un amore inaspettato e travolgente; una misteriosa aggressione; e da ultimo un omicidio. Con la maestria narrativa che l'ha già consacrata al successo di pubblico e critica, Sarah Waters imbastisce un racconto avvincente sulla passione amorosa, i desideri inconfessati e le loro travolgenti conseguenze. Un romanzo raffinato, che inserisce nell'affresco di un'epoca storica personaggi destinati a rimanere nel cuore e nella memoria del lettore, così vivi, così autentici nella loro drammatica brama di felicità.

Notte americana
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Pessl, Marisha

Notte americana

Bompiani, 08/10/2015

Abstract: Dopo Teoria e pratica di ogni cosa, un caso internazionale, Notte americana è la conferma del talento di Marisha Pessl nel dare vita a un thriller letterario capace di stregare il lettore. In una notte di ottobre, la giovane e bella Ashley Cordova viene trovata morta in un magazzino abbandonato di Lower Manhattan. Anche se il caso viene archiviato come suicidio, Scott McGrath, giornalista investigativo con anni di esperienza alle spalle, sospetta che ci sia molto di più dietro. Scavando nelle strane circostanze che segnano la vita e la morte di Ashley, McGrath finisce per scontrarsi con l'eredità del padre della ragazza: il leggendario regista di film horror di culto Stanislas Cordova, un uomo che non appare in pubblico da oltre trent'anni. E anche se in molti hanno scritto sugli oscuri, inquietanti film del regista, dell'uomo non si sa nulla, o quasi. Già in passato McGrath aveva cercato di far luce su questo personaggio, ottenendo però di distruggere solo il suo matrimonio e la sua carriera. Ma ora rischia di perdere molto di più. Così, guidato dalla vendetta, dalla curiosità, ma anche dalla sete di verità, McGrath viene risucchiato sempre più nel mondo ipnotico e misterioso di Stanislas Cordova.

Una produzione Kim Jong-Il
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Fischer, Paul - Pezzotta, Alberto

Una produzione Kim Jong-Il

Bompiani, 08/10/2015

Abstract: Pieno di suspense, Una produzione Kim Jong-Il racconta un'avventura incredibile che nessun film avrebbe saputo immaginare. E fa luce sui segreti criminali di un regime tanto assurdo quanto crudele, che da decenni tiene prigioniera un'intera popolazione. Prima di diventare uno dei dittatori più famigerati del mondo, Kim Jong-Il fu a capo del ministero della propaganda della Corea del Nord. Ideò, produsse e collaborò alla sceneggiatura di ogni film del paese, ma la sua frustrazione cresceva sempre più per quanto questi fossero poco riusciti rispetto ai suoi amati blockbuster hollywoodiani. Anche la fiorente industria cinematografica della nemica Corea del Sud era guardata con bruciante invidia. Per risollevare le sorti del cinema nazionale, escogitò un colpo perfetto: ordinare il rapimento di Choi Eun-Hee, celebre star della Corea del Sud, e del suo ex marito Shin Sang-Ok, uno dei più prestigiosi registi sudcoreani. La donna fu la prima a svanire nel nulla, e quando il regista cercò di investigare sulla sua sparizione, venne narcotizzato e si svegliò a bordo di una nave diretta in Corea del Nord. Per guadagnarsi la fiducia di Kim Jong-Il, i due accetteranno di lavorare per la fabbrica dei sogni nazionali, girando film di propaganda, musical e pseudo-kolossal come Pulsagari, una specie di Godzilla, in chiave socialista. Ma come riuscirono a scappare?

Il figlio maschio
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Torregrossa, Giuseppina

Il figlio maschio

Rizzoli, 08/10/2015

Abstract: "Che può fare un uomo per garantirsi l'eternità, se non passare il testimone al figlio maschio?" si domanda il vecchio don Turiddu Ciuni, mentre sente che la vita gli scappa via. Non si dà pace che la moglie si sia ostinata a far studiare tutti e dodici i loro figli, femmine comprese, e che nessuno di loro voglia occuparsi del feudo di Testasecca, nell'entroterra siciliano. La delusione più grande gliel'ha data ovviamente il primogenito, Filippo, che alla terra ha preferito la letteratura, aprendo una libreria e pure una casa editrice. "Grandissime minchiate", secondo l'anziano padre. Non la pensa così Concettina, che adora quel suo fratello sognatore e – siamo nel 1934 – vede in lui la possibilità di un futuro migliore per l'intera famiglia. Ma il destino si divertirà a sovvertire ogni aspettativa e, negli ottant'anni di storia raccontati in questo romanzo, chiamerà proprio lei, le sue figlie e le nipoti, a dimostrare quella straordinaria capacità di resistere che è propria di ogni donna. Con una scrittura che ha tutto il sapore e il calore della Sicilia, Giuseppina Torregrossa costruisce una potente saga familiare in cui l'amore per la vita e la passione per i libri si uniscono come due strumenti diversi che suonano la medesima armonia.

L'ultima estate di Berlino
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Buffa, Federico - Frusca, Paolo

L'ultima estate di Berlino

Rizzoli, 15/10/2015

Abstract: Berlino, estate 1936. Le Olimpiadi sono alle porte. Goebbels ha avuto ragione delle resistenze iniziali di Hitler e della sua Hitlerjugend e tutto è pronto per lasciare il resto del mondo a bocca aperta davanti alla potenza e alla maestosità del Reich. Ai vertici della complessa e ambiziosa organizzazione dell'evento c'è un uomo, anzi un soldato: Wolfgang Früstner. A poche settimane dalla cerimonia inaugurale, però, un giornale denuncia le sue origini ebraiche e l'immediata conseguenza è la destituzione dall'incarico. Da deus ex machina con pieni poteri, Fürstner si ritrova in un angolo: è rispettato dai veterani che hanno combattuto con lui nella Prima guerra mondiale ma deve ora subire l'umiliazione delle giovani leve naziste e solo l'intervento di un ex commilitone gli permette di restare al Villaggio Olimpico, sia pure con un ruolo di secondo piano. A Berlino accorrono giornalisti da ogni parte del mondo e le telecamere fortemente volute dal Führer e da Leni Riefenstahl portano le Olimpiadi per la prima volta sul piccolo schermo. E mentre Jesse Owens entra nella storia con le sue quattro medaglie d'oro, il maratoneta coreano Son Kitei è costretto a vincere per il Giappone e si disputa Austria- Perù, che Eduardo Galeano definirà "la partita di calcio più emozionante di tutti i tempi", Fürstner si aggira come uno spettro in una città vestita a festa. Non riconosce più il Paese che ama, né la donna che ha sposato, e forse nemmeno se stesso. Nel suo primo romanzo, scritto a quattro mani con Paolo Frusca, Federico Buffa mette il suo inconfondibile stile narrativo al servizio di una storia vera e ci racconta non solo tante straordinarie pagine di sport, ma anche la parabola di un uomo, di una capitale e di un Paese sull'orlo dell'abisso.