Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Target di lettura Prescolare, età 0-5
× Data 2019
Includi: tutti i seguenti filtri
× Risorse eBook (MLOL)

Trovati 30329 documenti.

Mostra parametri
A un soffio dalla fine. Il mio ritorno alla vita dopo la tragedia dell'Everest
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Weathers, Beck - Michaud, Stephen G.

A un soffio dalla fine. Il mio ritorno alla vita dopo la tragedia dell'Everest

Corbaccio, 27/08/2015

Abstract: LA STORIA CHE HA ISPIRATO IL FILM "EVEREST" RACCONTATA DA UNO DEI PROTAGONISTI Nel maggio 1996 Beck Weathers si trova con altri alpinisti sotto la vetta dell'Everest, quando sulla montagna si scatena una terribile tormenta di neve. Nove sono le vittime di questa immane tragedia raccontata da Jon Krakauer in Aria sottile, ma a una di esse, Beck Weathers, viene data una seconda chance. Arrivato in condizioni disperate al campo base, cieco, ricoperto interamente di ghiaccio, viene abbandonato dai suoi compagni che a loro volta tentano di mettersi in salvo. Solo la moglie non si arrende a quello che appare un destino segnato, e organizza una rischiosissima missione di salvataggio... A un soffio dalla fine, ripubblicato con una nuova prefazione dell'autore a quindici anni dalla prima edizione, non è solo la storia incredibile di una spedizione drammatica, in cui morirono otto uomini, ma è anche la testimonianza emozionante e commovente di un sopravvissuto che ha saputo vedere la realtà che lo circonda, la famiglia, gli amici, la vita di tutti i giorni, con occhi nuovi.

Ässassinio all'Ikea. Omicidio fai da te
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Zucca, Giovanna

Ässassinio all'Ikea. Omicidio fai da te

Fazi Editore, 27/08/2015

Abstract: Padova, 2009. Erminia e Anna Laura sono amiche dall'infanzia. La prima è moglie e madre, insegna all'università e conduce una vita tutto sommato normale. La seconda ha un avviato studio da commercialista, abita nello stesso palazzo di Erminia e da trent'anni vive una relazione con un uomo sposato, Amilcare Borgomastro.Nella stazione di polizia della città, l'agente Luana Esposito, appena trasferitasi da Napoli, viene assegnata al comando del burbero commissario Loperfido, che non tarderà, nonostante il carattere spinoso, a subirne il fascino solare.Il 21 dicembre, a ridosso del Natale, il corpo di Amilcare Borgomastro viene trovato dentro il cassettone di un letto, in un negozio Ikea. È questo l'avvenimento che porterà i quattro personaggi a sfiorarsi quel tanto da permettere al lettore di addentrarsi nelle loro vite e nei risvolti di un insolito mistero fino all'imprevedibile, spiazzante finale. Chi ha ucciso Amilcare Borgomastro? Si tratta davvero di un regolamento di conti interno alla mala, come viene ipotizzato dalla polizia, o piuttosto di un delitto passionale? È l'amore all'origine di tutto? O la vendetta?Ässassinio all'Ikea è un giallo tutto da ridere sullo scenario di una provincia sonnacchiosa ma vitale in cui le riflessioni sull'amore delle due protagoniste condiscono un intreccio vivace e piccante fatto di ricordi, avventure, segreti e irresistibili chiacchiere fra donne.

Siciliani ultimi? Tre studi su Sciascia, Bufalino, Consolo. E oltre
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Traina, Giuseppe

Siciliani ultimi? Tre studi su Sciascia, Bufalino, Consolo. E oltre

Mucchi Editore, 25/08/2015

Abstract: Con la morte di Sciascia, Bufalino e Consolo, molti sostengono che la letteratura siciliana sia finita. Ed è certamente vero, se pensiamo a una serie illustre di scrittori, tra i più bei nomi della letteratura dell'Italia unita. Se Sciascia, Bufalino e Consolo vanno annoverati ai vertici nel canone italiano di secondo Novecento, può essere utile, allora, raccogliere qui tre ampi studi dedicati ad alcune loro opere: all'Affaire Moro di Sciascia, alle antologie realizzate o progettate da Bufalino, a Retablo di Consolo. Con la fiducia che parlare di questi tre argomenti voglia dire anche parlare d'altro: di un grande e controverso uomo politico come Aldo Moro, di un'idea di letteratura come chiave per interpretare il mondo, dei fecondi interscambi tra scrittura e arti visive.L'autore, dal canto suo, mentre tributa ancora un omaggio a questi tre grandi autori, è sicuro che la letteratura in Sicilia non sia affatto finita ma stia, invece, cambiando volto: in linea con i mutamenti della letteratura mondiale, e non su posizioni di retroguardia. Dedica, perciò, un articolato saggio introduttivo a quel che si muove tra gli attuali scrittori dell'isola: alle figure più rappresentative, ai giovani emergenti, alle principali linee di tendenza. Con la fiducia che, là dove qualcosa certamente finisce, qualcos'altro ricomincia: senza bruciare del tutto i ponti col passato ma nondimeno con uno sguardo acutamente rivolto al presente e al futuro.

Quello che non uccide. Millennium
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Lagercrantz, David - De Marco, Katia - Cangemi, Laura

Quello che non uccide. Millennium

Marsilio, 28/08/2015

Abstract: Il quarto capitolo della saga Millennium. Continua la trilogia di Stieg Larsson!Da qualche tempo Millennium non naviga in buone acque e Mikael Blomkvist, il giornalista duro e puro a capo della celebre rivista d'inchiesta, non sembra più godere della popolarità di una volta. Sono in molti a spingere per un cambio di gestione e lo stesso Mikael comincia a chiedersi se la sua visione del giornalismo, per quanto bella e giusta, possa ancora funzionare. Mai come ora, avrebbe bisogno di uno scoop capace di risollevare le sorti del giornale insieme all'immagine - e al morale - del suo direttore responsabile. In una notte di bufera autunnale, una telefonata inattesa sembra finalmente promettere qualche rivelazione succosa. Frans Balder, un'autorità mondiale nel campo dell'intelligenza artificiale, genio dell'informatica capace di far somigliare i computer a degli esseri umani, chiede di vederlo subito. Un invito che Mikael Blomkvist non può ignorare, tanto più che Balder è in contatto con una super hacker che gli sta molto a cuore. Lisbeth Salander, la ragazza col tatuaggio della quale da troppo tempo non ha più notizie, torna così a incrociare la sua strada, guidandolo in una nuova caccia ai cattivi che punta al cuore stesso dell'NSA, il servizio segreto americano che si occupa della sicurezza nazionale. Ma è un bambino incapace di parlare eppure incredibilmente dotato per i numeri e il disegno a custodire dentro di sé l'elemento decisivo per mettere insieme tutti i pezzi di quella storia esplosiva che Millennium sta aspettando.

I giorni dell'altra
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Venturi, Maria

I giorni dell'altra

Rizzoli, 28/08/2015

Abstract: Un uomo, due donne. Come scegliere tra un amore nuovo e la storia di una vita? Un weekend romantico a Parigi. Caterina non ci è mai andata, ed è stata una delle prime promesse che Giacomo le ha fatto. Invece niente. Un eterno rinvio, il simbolo perfetto della loro relazione. Quando si conoscono lui le pare quasi irraggiungibile. Caterina è ancora una studentessa mentre Giacomo, fedele collaboratore del padre di lei nell'azienda di famiglia, è sorprendente e pieno di fascino. Ma soprattutto sposato. Con il tempo, però, tra loro nasce una sintonia perfetta. Fra un bicchiere di vino e una chiacchierata notturna, l'amore li travolge. Giacomo intanto si è separato da Federica, la compagna di sempre, e Caterina comincia a capire ciò che vuole da lui: un amore profondo, un futuro insieme. Ma lui non è ancora pronto a darle tutto questo, perché il senso del dovere e la nostalgia lo spingono a correre ogni volta che la moglie lo chiama. Nel frattempo, a unirlo ancora di più a Caterina, sono le difficoltà del padre e dell'azienda. Quando tutto precipita, il loro legame è messo alla prova e nessuno dei due può più nascondersi. Sapranno, insieme, dimenticare il passato e vivere l'amore?

L'ultima settimana di settembre
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Licalzi, Lorenzo

L'ultima settimana di settembre

Rizzoli, 28/08/2015

Abstract: Pietro Rinaldi ha ottant'anni e vuole essere lasciato in pace. Ormai è convinto che la sua vita sia arrivata al capolinea e, mentre mangia penne all'arrabbiata, riflette su quanto i libri siano meglio delle persone. Se già fatica a sopportare se stesso, figuriamoci gli altri! Non ha proprio intenzione di avere a che fare con l'umanità… fino a quando, un giorno, nel suo mondo irrompe Diego, il nipotino quindicenne. Lui ha l'entusiasmo degli adolescenti e la forza di chi non si lascia abbattere dagli eventi, neanche da quelli più terribili, e non ha paura di zittire i malumori del nonno. Da Genova partono in direzione di Roma, a bordo di una Citroën DS Pallas decapottabile su cui sembra di volare. Sul sedile posteriore c'è Sid, l'enorme incrocio tra un San Bernardo e un Terranova - vera e propria calamità. Ed è così che un viaggio di sola andata si trasforma in un'avventura on the road, piena di deviazioni e ripensamenti, vecchi amori e nuove gioie. Perché è proprio quando credi di aver visto tutto che scopri quanto la vita riesca ancora a sorprenderti. L'ultima settimana di settembre è il racconto esilarante e commovente del viaggio di un nonno e un nipote alla ricerca di se stessi. È una storia che, senza giri di parole, scava nei sentimenti più profondi e ci porta di fronte alle emozioni più vere, quelle che richiedono una buona dose di coraggio per essere affrontate ma rimangono impresse indelebili dentro di noi.

La targa
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Camilleri, Andrea - Torregrossa Giuseppina

La targa

RIZZOLI, 28/08/2015

Abstract: Vigata, 1940. La sera dell'11 giugno, il giorno dopo l'entrata in guerra dell'Italia salutata dal paese intero come "la vincita di una quaterna al lotto", al circolo Fascio & Famiglia ricompare d'improvviso, dopo cinque anni di confino in quanto "diffamatore sistematico del glorioso regime fascista", Michele Ragusano. Nessuno, com'è inevitabile, lo saluta, ma gli animi in un attimo si riscaldano e volano male parole: fin quando a don Emanuele Persico, novantaseienne tutto pelle e ossa, squadrista della primissima ora, prende letteralmente un colpo. Tutto perché Ragusano gli ha chiesto con tono di sfida: "Il nomi di Antonio Cannizzaro vi dice nenti?". Qualcuno si inginocchia, avvicina l'orecchio al cuore del vecchio e sentenzia: "Morto è". Comincia così un esilarante circo di celebrazioni postume, di opportunismi e di verità sepolte, in cui ognuno eserciterà quell'arte sottile che è propria degli italiani d'ogni epoca: l'arte del revisionismo e del compromesso.

Mangiare da cristiani
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Montanari, Massimo

Mangiare da cristiani

Rizzoli, 28/08/2015

Abstract: Un modello alimentare cristiano non esiste. Secondo la tradizione apostolica non importa cosa si mangia, ma come si mangia: l'attenzione è tutta sul gesto alimentare, dai rituali del convivio al valore della frugalità. Gli uomini, però, hanno bisogno di regole, e la libertà sottesa al messaggio apostolico disorienta. Anche per questo la storia del cristianesimo elabora nei secoli una serie infinita di modelli alimentari, ogni volta diversi e adattabili alle più disparate circostanze, nel tentativo di ridare al cibo un valore "oggettivo" e di recuperare l'idea antropologicamente inossidabile secondo cui l'uomo è ciò che mangia. La storia del cristianesimo è un patrimonio straordinario di consuetudini e di contagi culturali che rimandano alla tradizione ebraica, alla filosofia greca, alla scienza dietetica: dal ruolo del pane e del vino nell'eucarestia alla condanna della "gola", dal mito del Paradiso terrestre al valore di redenzione del digiuno, dalle pratiche alimentari monastiche alle regole dell'astinenza quaresimale. Con grande efficacia evocativa, l'autore ripercorre queste storie cogliendo nel profondo la forza di precetti, proibizioni, parossismi e idiosincrasie che investono anche la politica e gli ordinamenti sociali. Con un occhio al presente: perché molto di quello che qui si racconta ha resistito nei secoli fino a noi.

Il tuo corpo adesso è un'isola
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Predicatori, Paola

Il tuo corpo adesso è un'isola

Rizzoli, 28/08/2015

Abstract: Ascanio è stanco. Dei suoi amici, dei suoi genitori, di tutto, eppure vuole che nulla cambi e l'atteggiamento di indifferenza che offre a quanti lo circondano è l'unico modo che conosce per continuare a cullarsi giorno dopo giorno in un presente sempre uguale. Quando però a scuola conosce Adele, i ricordi tornano e minacciano il suo piccolo mondo tranquillo mandando in pezzi la facciata che si è costruito e che lo protegge. Sarà proprio lei a insegnargli il valore di una libertà assoluta che a poco a poco lo spinge lontano dagli altri e dai vincoli della famiglia. E poi c'è Jacopo, il fratello il cui ricordo ogni volta lo conduce verso quella parte di sé intrappolata nella memoria e mai vissuta completamente. Infine, quando tutto diventa troppo difficile da comprendere e la libertà diventa un bisogno insopprimibile, Ascanio fugge. Alla ricerca di un'isola.

Anarchia o socialismo?
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Stalin, Iosif V.

Anarchia o socialismo?

Red Star Press, 26/08/2015

Abstract: Scritti per il periodico "Akhali Tskhovreba" ("Vita Nuova") e pubblicati tra il giugno e il luglio del 1906, gli articoli che compongono il saggio Anarchia o socialismo? consentono a Stalin di affrontare il cuore di una polemica mai risolta all'interno della sinistra rivoluzionaria e di sottolineare la supremazia del marxismo non soltanto da un punto di vista filosofico, ma anche come ideologia inscindibile dalla classe a cui spetta il compito storico di cambiare lo stato di cose presenti.

Eventi estremi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Perna, Tonino

Eventi estremi

Altreconomia, 27/08/2015

Abstract: Il crollo di Wall Street del settembre 2008 è stato definito una "tempesta perfetta". Ma le analogie tra la Borsa e il meteo non si limitano al linguaggio. Che cosa c'entrano dunque il denaro e la finanza con il clima e la CO2? Gli "eventi estremi" climatici e finanziari, in crescita negli anni recenti, si caratterizzano per il medesimo meccanismo: "fluttuazioni giganti" provocate da una fortissima accelerazione dei processi. Ad esempio quelli indotti dall'immissione nell'atmosfera di grandissime quantità di CO2 e -sul mercato- di un'enorme massa di denaro. Disastri che colpiscono per primi i poveri del mondo, poi l'ambiente e noi stessi. Ma come si può salvare Gaia e i suoi abitanti? La risposta in queste pagine.Tonino Perna economista e sociologo, è docente di Sociologia Economica presso la facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli studi di Messina.Il suo impegno sociale e politico si è diviso tra il Sud d'Italia e il Sud del mondo. Fondatore della Ong Cric, si è occupato a lungo di commercio equo e solidale, è stato presidente del "comitato etico" di Banca Etica e -per cinque anni- presidente del Parco Nazionale dell'Aspromonte. Ha scritto decine di articoli e saggi tra cui ricordiamo Fair Trade (Bollati Boringhieri, 1998), Aspromonte: i parchi nazionali nello sviluppo locale (Bollati Boringhieri, 2002), Destra e sinistra nell'Europa del XXI secolo (Altreconomia, 2006), Il manuale del piccolo usurario e del grande speculatore (Altreconomia, 2008, Monete locali e moneta globale (Altreconomia 2015)

Il cervello degli adolescenti. Tutto quello che è necessario sapere per aiutare a crescere i nostri figli
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Nutt, Amy Ellis - Jensen, Frances E. - Serra Laura

Il cervello degli adolescenti. Tutto quello che è necessario sapere per aiutare a crescere i nostri figli

Mondadori, 25/08/2015

Abstract: Perché tanti genitori di figli adolescenti hanno la sensazione di essere saliti su un ottovolante impazzito, spettatori impotenti di malumori e improvvisi scoppi di rabbia alternati a momenti di incontenibile espansività ed euforia? Perché, dopo averli cresciuti con amorevoli cure e in base a saldi principi educativi, si ritrovano in casa quindicenni dai capelli multicolori, che passerebbero tutta la notte davanti al computer e a scuola cominciano a dare più di un problema? Cosa accade nella testa dei nostri ragazzi?A tali domande, e a quesiti ancor più angosciosi sul rapporto dei giovani con l'alcol, la droga o addirittura il crimine, la neurologa Frances Jensen risponde proponendo una visione rivoluzionaria del cervello "adolescente". Per molto tempo, infatti, si è ritenuto che lo sviluppo del cervello umano fosse pressoché compiuto con il raggiungimento della pubertà e che, nell'adolescenza, fosse a tutti gli effetti un organo maturo, sia pur privo di esperienza di vita. Nell'ultimo decennio, invece, la neurofisiologia e le neuroscienze hanno scoperto che durante l'adolescenza il cervello attraversa alcuni stadi determinanti del suo processo evolutivo, che ne rendono le funzioni diverse da quelle del cervello adulto. Così, per esempio, se gli adolescenti sono avventati, distratti o irritabili, non è per spirito di opposizione all'autorità dei genitori – come sostiene uno dei luoghi comuni più diffusi –, ma perché i loro lobi frontali, ossia l'area in cui si valutano le situazioni e si prendono le decisioni, non sono ancora perfettamente efficienti, e quindi non consentono la piena consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni.Arricchendo l'esposizione della sua teoria scientifica con il racconto di aneddoti tratti dall'esperienza di madre, Jensen illustra in dettaglio le reazioni del cervello adolescente alle situazioni più disparate (dall'apprendimento allo stress, dal sonno alle dipendenze), fornendo al contempo preziosi suggerimenti pratici a coloro che, a vario titolo, sono alle prese con le "misteriose" trasformazioni neurobiologiche di questo decisivo passaggio dell'esistenza.Rigoroso eppure leggibilissimo, Il cervello degli adolescenti rinnova profondamente il nostro modo di leggere le dinamiche cerebrali e i comportamenti adolescenziali, e costituisce uno strumento indispensabile per quanti – genitori, educatori o insegnanti – vogliono assolvere al meglio il difficile compito di aiutarli a crescere in un mondo sempre più interconnesso e multitasking ma anche, proprio per questo, più caotico e insidioso.

I curanderos dell'anima
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Huarache Mamani, Hernán

I curanderos dell'anima

Piemme, 08/09/2015

Abstract: "So che ciò di cui scrivo è segreto: si tratta di conoscenze sacre riservate a pochi, che non dovrebbero arrivare a tutti. Ormai, però, viviamo in un tempo in cui non è più possibile nascondere i misteri all'infinito: vale la pena renderli di pubblico dominio e chiarire che la spiritualità non si respira soltanto in India o nel Tibet, ma si trova anche nelle Ande del Sudamerica".Partendo da questa constatazione, Hernán Huarache Mamani va in cerca di quei maestri di sapienza antica che, ancora in attività, si dedicano alle malattie dell'anima, dispensando preziosi consigli per uscirne senza aiuti esterni e trovare nella sofferenza una via di crescita e di pienezza umana.Negatività, incomunicabilità e depressione sono i mali del nostro Occidente dai quali è possibile liberarsi imparando dalla saggezza di guide spirituali esperte. I curanderos conoscono i segreti dell'Io profondo; se ci affidiamo a loro, impareremo a vincere, una volta per tutte, i mostri che deturpano la nostra interiorità.

La festa dei limoni
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Braico, Marco

La festa dei limoni

Piemme, 08/09/2015

Abstract: UN ROMANZO CONTAGIOSO,CHE FA BENE A CHI LO LEGGE. UN SUCCESSO DEL PASSAPAROLA. Gabriele ha 35 anni, una moglie e un figlio, insegna matematica. Una vita come ce ne sono tante, un uomo spiritoso, brillante, sempre allegro, le cui certezze si sgretolano in un giorno di marzo, il giorno in cui gli viene diagnosticata una grave forma di Leucemia. Il ricovero immediato, le cure, la chemio, la perdita dei capelli, del gusto, della forza, l'impossibilità di vedere suo figlio, i suoi studenti. Il dolore, che si fa più acuto e profondo ogni giorno che passa. Tutto questo travolgerebbe e stravolgerebbe chiunque, ma Gabriele ha deciso che per lui non sarà così. Affronterà le difficoltà con il sorriso e coinvolgerà nella sua nuova vita suo figlio Roberto, partendo dalla comune passione per la matematica. È così, giocando, scherzando, ma anche piangendo e gridando, chiedendo e dando aiuto ai suoi compagni di reparto, che Gabriele lotta con tutto se stesso contro una malattia che vorrebbe togliergli la vita, un pezzo alla volta. Ed è così, con la forza dei guerrieri, l'ironia e la delicatezza delle anime pure, che vi farà ridere con le lacrime agli occhi.

Everest
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Gammelgaard, Lene

Everest

Piemme, 29/08/2015

Abstract: PROTAGONISTA DELLA STORIA RACCONTATA IN EVEREST FILM D'APERTURA DELLA 72a MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA CON JAKE GYLLENHAAL, JOSH BROLIN E KEIRA KNIGHTLEY "Un racconto emozionante e terribilmente vero." The New York Times Avanziamo a passo di lumaca nel turbinio di neve. Non riesco né a vedere né a fare nulla. Ci vogliono sforzi incredibili solo per rimanere dritti, per non parlare di spostare i piedi. È un terreno impossibile. Nessuno deve sedersi o rimanere indietro, perché sappiamo che fermarsi vuol dire morire. La bufera, la speranza della salvezza, l'irrealtà di questo incubo, ci fanno esclamare di tanto in tanto: "C'è una luce. Sento delle voci". Ma, tutte le volte, è una delusione. Gli sherpa non ci sono più. Dove saranno finiti? Nel pomeriggio del 10 maggio 1996 Lene Gammelgaard, membro della spedizione di Scott Fischer, è diventata la prima donna scandinava a raggiungere la cima del monte Everest. Il giorno dopo era sopravvissuta a uno dei più terribili disastri della storia dell'alpinismo, raccontato nel film Everest. Nel corso della notte, una tremenda tempesta e una serie di errori umani hanno cospirato per mutare un trionfo in una catastrofe. Otto persone sono morte in quella notte d'inferno, che continua a interrogare e a far discutere. L'entusiasmo della preparazione, l'arrivo in Nepal, le difficoltà della scalata sulla montagna più alta del mondo, l'incubo di una tempesta che ha costretto gli alpinisti ad affrontare la discesa in condizioni impossibili rivivono, passo dopo passo, nell'emozionante racconto di Lene. La sua voce appassionata non si limita alla cronaca, ma rende conto di emozioni e sentimenti, si sofferma sui risvolti psicologici della tragedia e offre una prospettiva illuminante e personale. Sull'alpinismo. Sull'ebbrezza che porta a rischiare la pelle. Sulla vita stessa, nuda e cruda.

L'invenzione della vita
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Tuil, Karine

L'invenzione della vita

Frassinelli, 01/09/2015

Abstract: L'ambizione è la più forte delle droghe, e la più distruttiva. Sam Tahar ne ha fatto la sua religione: ed è riuscito a diventare uno degli avvocati più famosi di New York e a vivere nel lusso sposando una donna ricchissima. Insomma, potrebbe finalmente dirsi arrivato. Eppure c'è una nota stonata nella sua disperata, affannosa ricerca del successo. Perché Sam, per arrivare fin lì, ha scelto di cancellare qualcosa di sé. Ad esempio, il suo amore, vent'anni prima, a Parigi, per Nina, l'unica vera donna della sua vita; o l'amicizia più importante, quella con Samuel, finita proprio a causa di Nina. Ma, soprattutto, Sam ha scelto di cancellare la propria identità: le sue origini arabe, e il suo vero nome, Samir, facendosi chiamare "Sam" – proprio come l'amico di un tempo. E quando i tre, Samir, Samuel e Nina, per una serie di imprevedibili circostanze, si incontreranno di nuovo, tutto esploderà – le verità, le menzogne, le apparenze – in un cortocircuito magnifico e stridente tra vite vere e vite inventate, che rischierà di far crollare il fragile castello di bugie costruito negli anni da Samir. Karine Tuil dipinge un grande affresco dei nostri tempi, in un romanzo dal passo classico, la commedia umana di una società sempre più bugiarda in cui non c'è limite all'ambizione, alla voglia di apparire, e al potere della menzogna. E in cui, più che mai, a definirci sono le persone che decidiamo di amare, ma anche quelle che scegliamo di lasciare indietro. "UN ROMANZO DI GRANDISSIMO RESPIRO, IN CUI E' RACCHIUSA TUTTA LA COMPLESSITA' DEL NOSTRO MONDO" - Le Figaro

Altreconomia 174, settembre 2015
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

AA. VV.

Altreconomia 174, settembre 2015

Altreconomia, 01/09/2015

Abstract: Altreconomia dedica la copertina del numero 174 (settembre 2015) ai cambiamenti che hanno trasformato il Pianeta nell'arco di una sola generazione, tra il 1980 e il 2015. Alcuni indicatori -dalla popolazione alla temperatura media globale, dal numero di auto nel mondo al consumo di acqua, tra gli altri- raccontano mutamenti sociali e ambientali senza precedenti.Rinnovabili 2.0 fa il punto sulla rivoluzione energetica, che per quanto riguarda la produzione di energia elettrica è compiuta, e ora guarda oltre: la nuova frontiera si chiama autoconsumo. Una curiosità: Enel ha sospeso i progetti di carbon capture e storage (CCS) la tecnologia del carbone pulito. Mentre in Italia -dopo lo Sblocca-Italia- è ripartita la corsa all'ora nero.Un reportage dalla Valtellina, per raccontare l'AltRaValtellina, un'associazione di b&b e aziende agricole che punta al turismo responsabile, tra festival, artigiani e percorsi accessibili.Un racconto dalla Palestina, per conoscere il movimento BDS (Boiocottaggio Disinvestimento Sanzioni) e fare un bilancio di dieci anni di azione nonviolenta contro l'occupazione israeliana. Il movimento internazionale è oggi una forza che spaventa Benyamin Netanyahu e lo Stato ebraico. Il mercato dei prodotti biologici certificati nella grande distribuzione vale 730 milioni di euro, in crescita del 20% tra il 2013 e il 2014. I limiti e i punti di forza del "bio" quando va al super. Dal Cenacolo di Leonardo a Milano agli Uffizi di Firenze: il caso delle società che acquistano stock di biglietti d'ingresso per mostre e musei e li rivendono -con un ricarico- su internet.Con due interviste agli ideatori di "Padania Classics", l'atlante che ricostruisce la triste eredità culturale della "MacroRegione" del Nord, e ad Enrico Deaglio, che in un libro racconta una storia (tragica) di emigrazione italiana negli Stati Uniti a fine 800.

L'occhiale malinconico
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Ceronetti, Guido

L'occhiale malinconico

Adelphi, 03/09/2015

Abstract: Questo è un libro di viaggi, mobili e immobili, di osservazioni, divagazioni, ossessioni. Di impressioni immediate e rapide; o altrimenti a lungo macerate. Ci troveremo Grünewald, visitato a Colmar. E la cattedrale di Strasburgo, luogo cifrato e iniziatico. Ma anche varie immagini della Donna, da Rembrandt alla Morgue, al corpo nudo di una anonima fotografata, alla "Maja" di Goya, alle fanciulle dormienti di Kawabata. E poi Leopardi e Teresa di Gesù, Abelardo ed Eloisa, oltre che una lunga meditazione sui salmi e la preghiera. E infine il ricordo evocato dallo scoccare del tempo: i cinquant'anni passati dalla guerra civile di Spagna. Come sempre, non c'è angolo di mondo dove non si posi l'occhiale malinconico di Ceronetti. E non c'è angolo di mondo che rimanga uguale dopo che quello sguardo vi si è posato.

Tesi di laurea step by step. La guida per progettare, scrivere e argomentare prove finali e scritti professionali senza stress
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Bustreo, Massimo

Tesi di laurea step by step. La guida per progettare, scrivere e argomentare prove finali e scritti professionali senza stress

Hoepli, 02/09/2015

Abstract: Per affrontare al meglio l'organizzazione, la scrittura e la dissertazione di una tesi di laurea o di uno scritto scientifico e divulgativo è necessario procedere con rigore e metodo. Bisogna imparare a organizzare il tempo e il lavoro e prendersi cura della comunicazione in tutte le sue forme. E ancor di più è utile contenere le ansie e le paure.Con estrema chiarezza questo libro offre al laureando di ogni livello e al professionista della comunicazione strategie efficaci ed esaustive e suggerimenti teorici e tecnici per lavorare al meglio, ottimizzare la fatica, risparmiare tempo e garantire il miglior risultato.Il lettore è guidato passo a passo attraverso strategie e modalità di ricerca, metodologie specifiche, esempi numerosi e puntuali, casi reali, avvertenze e percorsi per migliorare la redazione di una ricerca scientifica, con un'attenzione particolare ai nuovi strumenti disponibili e una sana ironia, utile ansiolitico per concludere la tesi con successo.

Innovatori. Come pensano le persone che cambiano il mondo (Breve storia del futuro)
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline
Risorsa locale

Temporelli, Massimo

Innovatori. Come pensano le persone che cambiano il mondo (Breve storia del futuro)

Hoepli, 02/09/2015

Abstract: "Solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, alla fine, lo cambiano davvero." Questa frase rappresenta la perfetta sintesi del mondo dell'innovazione e di chi lo rappresenta.Spesso giovanissimi e impertinenti, in ogni campo del sapere, gli innovatori sono un perfetto mix di razionale lucidità e folle lungimiranza. Nel campo della scienza e della tecnologia queste caratteristiche assumono connotati estremi e generano personalità capaci davvero di cambiare il corso delle storia.Questo libro racconta la loro storia e prova a tracciare il profilo di questi straordinari personaggi, da James Watt a Thomas Alva Edison, da Guglielmo Marconi fino a Steve Jobs.