Si parla di noi…

 

In questa sezione del catalogo si possono trovare i documenti (libri e materiale multimediale) riguardanti:

-        Bergamo e tutta la bergamasca

-        scritti da autori bergamaschi

-        pubblicati a Bergamo e provincia

-        romanzi ambientati nella bergamasca.

Inoltre, utilizzando i filtri che si trovano sulla sinistra della pagina, è possibile selezionare ulteriormente i documenti.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Target di lettura Ragazzi, età 11-15

Trovati 4 documenti.

Mostra parametri
I burattini di Don Luigi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rizzi, Gimmi

I burattini di Don Luigi : il Palazzolo, Madre Teresa Gabrieli e la Famiglia delle poverelle / [testo Gimmi Rizzi ; disegni Bruno Dolif]

Bergamo : Suore delle poverelle, 2009

Il "De cameroni"
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Istituto comprensivo De Amicis <Treviglio>. Scuola secondaria Cameroni

Il "De cameroni" : novelle dal 21. secolo / Istituto comprensivo De Amicis, Scuola secondaria Cameroni di Treviglio (Bg)

[Lodi] : Linee infinite, 2017

Io e i mille
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Agosta, Antonio

Io e i mille / Antonio Agosta

Roma : Albatros, 2010

Abstract: La spedizione dei Mille attraverso la duplice visione di romanziere e storico. Ne Io e i Mille Antonio Agosta racconta le gesta di Garibaldi con la fantasia di un ipotetico cronista, anch'egli camicia rossa partecipe della gloriosa spedizione, alternata alla lucidità dello storico contemporaneo animato dalla volontà di comprendere l'esatta maturazione del successo che determinò l'unità d'Italia. Fu esclusivo merito dei mille coraggiosi salpati da Quarto la mattina del 4 maggio 1860 oppure dietro quell'impresa intervennero altri fattori? Ciò che ne esce fuori è un libro che, per la sua narrativa nitida e scorrevole, sensibilizza a uno dei momenti cardine della storia di questo Paese. Allo stesso tempo, per la sua analisi oggettiva dei fatti realmente avvenuti, l'autore offre una chiave di lettura su come un momento storico troppe volte ammantato di generica mitizzazione abbia presentato una serie di fenomeni politici e sociali che, in certi casi, dopo centocinquanta anni, sotto altra forma, continuano ancora a esistere.

Autobiografia di un muro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Noris, Fernando

Autobiografia di un muro : una storia nelle storie di Lorenzo Lotto : romanzo / Fernando Noris ; disegni di Weena Visini

Bergamo : Grafica e arte, 2015

Abstract: La vicenda del romanzo, scritto per ragazzi in età da scuola media, ma forse utile anche agli adulti usi a praticare mostre e luoghi d’arte, si sviluppa tra due estremi cronologici. Il primo: 1524. A Trescore Balneario (Bergamo), nell’Oratorio-Cappella di Villa Suardi, il pittore veneto Lorenzo Lotto (1480-1556/57) esegue un ciclo di affreschi con le storie delle sante Barbara, Brigida d’Irlanda, Caterina d’Alessandria e Maria Maddalena. La sua narrazione, di profondo impegno tematico e di estrema bellezza, si colloca al cuore delle problematiche cinquecentesche tra Riforma di Lutero e ortodossia cattolica. E, da quasi cinque secoli, si fa tuttora ammirare da migliaia di visitatori, che hanno modo di sperimentare l’importanza di questo ciclo nel contesto della cultura figurativa, e non solo, europea. Il secondo: anno scolastico 2014-2015. A poche centinaia di metri dalla chiesetta con gli affreschi, una docente d’italiano della locale scuola media propone alla sua classe un testo di narrativa, costruito sulle storie dipinte a Trescore, in particolare su quelle relative alle leggende di santa Barbara. Gli studenti, in vista dell’allestimento di uno spettacolo teatrale loro proposto, si applicano con disinvoltura a un approfondimento delle varie tematiche connesse con le pitture. Alcuni di loro si imbattono nella misteriosa figura di una anziana veggente, che si crede depositaria di misteri legati alla storia del pittore e dei suoi dipinti e se ne lasceranno entusiasmare. Il romanzo racconta di questo incontro degli studenti con Lorenzo Lotto, un incontro assai poco convenzionale, e certamente al di fuori dalle logiche di un manualetto scolastico di storia dell’arte