Si parla di noi…

 

In questa sezione del catalogo si possono trovare i documenti (libri e materiale multimediale) riguardanti:

-        Bergamo e tutta la bergamasca

-        scritti da autori bergamaschi

-        pubblicati a Bergamo e provincia

-        romanzi ambientati nella bergamasca.

Inoltre, utilizzando i filtri che si trovano sulla sinistra della pagina, è possibile selezionare ulteriormente i documenti.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Bergamo
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Genere Saggi

Trovati 18 documenti.

Mostra parametri
La sposa italiana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Trigiani, Adriana

La sposa italiana : romanzo / Adriana Trigiani ; traduzione di Roberta Zuppet

Milano : TEA, 2019

Abstract: Bergamo, 1910. C'è tutta la gioia del primo amore nel legame che unisce Enza e Ciro: bellissima e volitiva lei, energico e riflessivo lui, già immaginano la loro vita insieme, a onta delle difficoltà concrete, quotidiane, del loro villaggio tra i monti. Ma il destino ha deciso diversamente:Ciro scopre un segreto troppo grande per il suo animo semplice e viene costretto ad andarsene lontano, addirittura al di là dell'oceano. Finirà per lavorare come apprendista nella bottega di un calzolaio a New York, a Little Italy. E in quel mondo nuovo, frenetico e pieno di possibilità, il pensiero di Enza pare sempre più lontano, sempre più sfumato... È la povertà che spinge la famiglia di Enza a compiere lo stesso viaggio verso l'America. Ferita dall'abbandono di Ciro,la ragazza si dedica anima e corpo al suo lavoro di ricamatrice e, ben presto, inizia a lavorare al Metropolitan, dove realizza abiti lussuosi per le star dell'opera lirica. Ed è lì che incontra un ricco e affascinante americano, deciso a farle dimenticare quell'amore che appartiene a un altro tempo e a un altro continente... Non sapendo di vivere nella stessa città, Enza e Ciro s'incamminano su strade sempre più divergenti: il successo negli affari per lui e la promessa di una vita agiata per lei. Il passato è dimenticato, il presente è sereno, il futuro sembra tracciato. Poi, un giorno, Enza e Ciro si incontrano di nuovo. E tutto cambia.

Torquato Tasso e le arti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Torquato Tasso e le arti : convegno di studi promosso nel cinquantesimo di fondazione del Centro di studi tassiani : atti del convegno, Bergamo, sala A. Curò, 30 settembre 2000

Bergamo : Centro di studi tassiani, 2002

Cinquant'anni di poesia a San Pellegrino
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cinquant'anni di poesia a San Pellegrino : atti del 1. convegno di studi sul Premio di poesia S. Pellegrino / con testi di R. Crovi ... [et al.] ; a cura di Gabrio Vitali

[Torre Boldone] : Grafital, [1999?]

La poesia al Circolo artistico bergamasco dal 1955
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De_Luca, Liana - Riva, Giovanni

La poesia al Circolo artistico bergamasco dal 1955 / Liana De Luca . Ciro Caversazzi uomo di cultura / Giovanni Riva

Bergamo : Circolo artistico bergamasco, stampa 1996

Òcio ai piöcc
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Laterza, Gisella

Òcio ai piöcc : attenzione ai pidocchi / favola di Gisella Laterza ; illustrazioni di Isidora

[S.l.] : Lubrina, 2019

Abstract: "Fantasmi e indovinelli, bambini e pidocchi. Una favola moderna da percorrere a piccoli passi, alla ricerca delle strade più belle e delle fontane più misteriose di Bergamo Alta. L'idea di questo libro nasce da una storia vera, vera come la Fontana del Corno, un'antica fonte di Bergamo, in Città Alta. Un posto magico che vi invito a visitare. Anch'io ci sono stato e l'ho fotografata. Questa è la mia fotografia, questa è la seconda fotografia, e questa la terza col mio cavalletto. Questo è un libro a favore del diritto d'autore. Non è giusto ed è un peccato che qualcuno abbia pubblicato altrove la mia fotografia, senza chiedere il permesso, senza dire nemmeno di chi è. Purtroppo non è un caso insolito e coinvolge chi lavora con la fantasia. Ne fanno le spese fotografi, grafici, illustratori, scrittori e compositori. E così anch'io ho conosciuto i pidocchi, fastidiosi parassiti che succhiano il sangue dalla testa e ti viene da grattare. Per eliminarli, non basta una lozione meglio usare il pettinino. Tutti devono essere informati per evitare il dilagare di infezioni. Senza pidocchi la vita è più felice!" (Maurizio Grisa) Età di lettura: da 5 anni.

Il bambino con la valigia rossa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cantini, Aurora

Il bambino con la valigia rossa : la seconda guerra mondiale a Bergamo e i bambini senza nome / Aurora Cantini

[S.l.] : Silele, 2016

Abstract: Gli anni dal 1943 al 1952 a Bergamo, con sfondo centrale i fatti della Seconda Guerra Mondiale, storie di quotidiana sofferenza e infanzia perduta raccontate dal piccolo Pietro, uno dei bambini del Brefotrofio, situato in uno dei padiglioni dell'Ospedale Maggiore. Il bambino protagonista, raccolto nei primi giorni di gennaio del '44 dai gendarmi dopo che la madre l'ha lasciato solo e consegnato al Brefotrofio da un fantomatico zio, funge da voce narrante dei fatti tragici della guerra a Bergamo, raccontando la sua vita e quella di tanti altri bambini "esposti all'abbandono", piccoli e innocenti testimoni della povertà, del silenzio, della fame e della solitudine, ma racconta anche dei preti coraggiosi, degli arresti frequenti, delle sparizioni delle persone care.

Nel silenzio c'era il vento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fadigati, Francesco

Nel silenzio c'era il vento / Francesco Fadigati

Bergamo : Bolis, 2019

Genius loci ; 8

Abstract: Francesco Fadigati evoca il genius loci del monastero di Astino a Bergamo nel racconto Nel silenzio c'era il vento. "Perchè tutta questa leggerezza è data a loro -proseguì Colleoni- che non hanno patito nulla, mentre io che ho sopportato l'inferno non ho un briciolo di questa pace?" Solo il vento lo ascoltava in quel momento.

La congiura delle torri
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fadigati, Francesco

La congiura delle torri : romanzo storico / Francesco Fadigati

Azzano San Paolo : Bolis, 2015

Abstract: Bergamo, XI secolo. Intorno alla nascente basilica di S. Maria Maggiore, una scorta di uomini coraggiosi e devoti si vota alla protezione del vescovo Gregorio. Fra di loro il giovane Folco dei Lamberti, in avvincente intreccio di amicizie e tradimenti, innamoramenti e la cruda esperienza della battaglia, inizia la sua avventura di uomo e cavaliere. Un romanzo storico, ora arricchito con le illustrazioni di Giovanni Bellina.

L'ospedale delle bambole
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sharp, Ann Margaret

L'ospedale delle bambole / Ann Margaret Sharp ; adattamento cura e traduzione di Maura Striano

Napoli : Liguori, 2008

Abstract: La tranquilla città di Bergamo è scossa da tre omicidi: Cecilia, Laura e Anna vengono trovate uccise e crudelmente mutilate degli occhi. Le vittime sono ragazze di buona famiglia che hanno in comune il lavoro - centraliniste presso una delle più spinte hot-line di Bergamo - e la passione per le bambole. Nel caso sono coinvolti, a vario titolo, un professore di storia ed ex psicanalista, un vecchio riparatore di bambole, un tenente di polizia, una giornalista, un sacerdote.

Contessa Clara mia diletta...
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carminati, Marco

Contessa Clara mia diletta... : pagine bergamasche del primo verdi patriota, dal suo Nabucco alla coscienza nazionale : romanzo / Marco Carminati

Bergamo : Grafica & Arte, 2013

Sacra maestà, ho Bergamo nel cuore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carminati, Marco

Sacra maestà, ho Bergamo nel cuore : un'autobiografia mai scritta da Giacomo Quarenghi : romanzo / Marco Carminati

Bergamo : Grafica & arte, 2017

Abstract: Era un ottobre insolitamente piovoso anche per Bergamo, quello del 1810, quando il celebre architetto Giacomo Quarenghi approdò nuovamente alla sua terra natale. Si lasciava alle spalle le nevi ormai tornate abbondanti a San Pietroburgo, ma il gelo che lo attanagliava veniva dal cuore, non dalle membra frustate dall’acqua e dal vento, mentre si affacciava alla carrozza a cavalli, in vista delle mura venete arroccate sul colle. Da tempo ormai nessun fuoco era più capace di ridargli vigore: da quando l’amata consorte Maria Fortunata Mazzoleni era morta, partorendo il quattordicesimo figlio. Tanti erano infatti i bambini che aveva donato al marito, quasi in muta competizione con le non meno numerose creature di pietra e mattoni, ininterrottamente sfornate dal genio dell’architetto più famoso d’Europa. Poi tutto, all’improvviso, era crollato con la morte della sposa adorata. A poco servì infatti anche la parentesi in terra bergamasca, in quei mesi alla fine del 1810, quando s’illudeva di ritrovare i volti amici e gli affetti di ieri. Quarenghi, rientrato in Italia da poco, non aveva potuto sottrarsi alla commessa di un arco trionfale per quel Napoleone, che pur detestava e dal quale fuggì nuovamente, tornando in Russia, che non volle lasciare, ignorando l’ordine dell’Imperatore francese a tutti gli artisti soggetti alla sua maestà, di rientrare subito dopo l’avvio della Campagna militare in quelle terre gelate. L’orgoglio impediva all’architetto famoso, ormai residente da trentasei anni in un Paese dal clima inospitale, di far «nuovo ed ultimo approdo alla terra di Bergamo», ove trascorrere gli ultimi giorni. Era ormai quasi cieco e aveva soli compagni i ricordi, insieme al rimpianto di non poter mettere piede, come lasciò scritto nei suoi appunti, «in quella nostra Italia ormai desolata, ma sempre Italia e a Bergamo prima, che patria sopra ogni altra abbiamo in cuore». Una ricognizione avvincente della singolare esperienza umana ed artistica del grande architetto, che lasciò nel mondo un’impronta personale unica ed inimitabile di cui l’Italia e Bergamo vanno particolarmente fiere nel bicentenario di morte.

Le trame di Bea. [3]: Il segreto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bozzolan, Mara - Nozza, Annalisa

Le trame di Bea. [3]: Il segreto / Mara Bozzolan, Annalisa Nozza ; prefazione di Gabriele Medolago

Viterbo : Scatole parlanti, 2019

Abstract: Archiviata l'incredibile scoperta delle lacrime della Madonna, per Bea è tempo di pensare alle nozze con il suo bel principe Andrea. Malgrado ciò, il profumo dei fiori d'arancio non la distoglie dalle consuete attività, ovvero far riaffiorare delle storie perdute, seguendo la pista di Aldobrando, Ermes e del mito dei cavalieri templari. Il castello di Urgnano è solo il punto di partenza di una nuova avventura, in cui Bea decide di affrontare più a fondo un tema straordinariamente suggestivo: la presunta presenza di Leonardo da Vinci nella bergamasca. Una prospettiva capace di rimettere in discussione ad ampio spettro non solo la storia locale ma anche molti dubbi che hanno da sempre accompagnato la figura del geniale inventore, artista e scienziato, andando a ripercorrere persino le sue passioni personali. Inizialmente Bea deve fare a meno del suo principe, in Francia per questioni di lavoro, ma può contare sugli amici di sempre, ben disposti ad assecondare il suo... imprevedibile intuito. Prefazione di Gabriele Medolago.

Una fiaba bergamasca. 2: Dov'è finita Santa Lucia?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crippa, Nicola

Una fiaba bergamasca. 2: Dov'è finita Santa Lucia? / Crippa Nicola ; illustrazioni di Giulia Diani

[Bergamo] : Lubrina Bramani, 2018

Abstract: Album da colorare. Continuano le avventure della simpatica famiglia di Boculina e del suo cucciolo di "pastore bergamasco" Bob che attraverserà l'alta città scoprendo straordinari percorsi, tra colli, baretti e castelli alla ricerca di Santa Lucia... Età di lettura: da 4 anni.

Tasso e l'Europa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tasso e l'Europa : con documentazione inedita : atti del Convegno internazionale (4. centenario della morte del Poeta), Università di Bergamo, 24-25-26 maggio 1995 / introduzione di Gianvito Resta ; prolusione di Giorgio Bàrberi Squarotti ; a cura di Daniele Rota

Viareggio : M. Baroni, 1996

Pietro Ruggeri poeta ragioniere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pietro Ruggeri poeta ragioniere : catalogo della mostra, Bergamo, Civica biblioteca Angelo Mai, 14-28 novembre 1998 / [a cura di] Ivano Sonzogni

Bergamo : Associazione Amici della Biblioteca A. Mai, 1998

La congiura delle torri
4 0 0
Materiale linguistico moderno

Fadigati, Francesco

La congiura delle torri : romanzo storico / Francesco Fadigari

Azzano San Paolo : Bolis, 2011

Le quattro casalinghe di Bergamo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Magrini, Gabriella

Le quattro casalinghe di Bergamo / Gabriella Magrini

[Bergamo] : Silele, 2016

Abstract: Eliana, Carmen, Daniela e Iside, quattro casalinghe intraprendenti, con i rispettivi pregi e difetti a contrassegnare le loro vite tutt'altro che monotone. Quattro donne desiderose di realizzarsi in una Bergamo sempre più internazionale e moderna, dove comunque le tradizioni locali si sono mantenute vive. In un intreccio di disavventure sentimentali, intrighi familiari, colpi di scena ed eventi non sempre lieti, la loro profonda amicizia funge da filo conduttore e i problemi dell'una spesso finiscono per condizionare la vita delle altre

Gli ultimi leoni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carminati, Marco

Gli ultimi leoni : come le mura di Bergamo furono salvate : romanzo / Marco Carminati

Bergamo : Grafica & arte, 2016

Abstract: Nell'ultimo decennio del 1700, ai tempi della Repubblica Bergamasca, che ebbe peraltro breve stagione, le Mura venete rischiarono di sparire per mano di una setta segreta giacobina. Nel secondo decennio del 2000, e più precisamente nell'anno di candidatura delle stesse Mura a Patrimonio UNESCO, esse hanno corso nuovamente quel rischio, per un folle disegno terroristico casualmente sventato. Questo romanzo narra le vicende singolari di Bergamo nei mesi controversi e appassionati, in cui il cieco fanatismo avrebbe condannato a morte le Mura gloriose, che vennero però rocambolescamente risparmiate. A scoprire i dettagli dell’antica storia, una studentessa del Conservato­rio Donizetti, appassionata di architettura e involontaria testimone di analoghi progetti criminali odierni ai danni delle vecchie Mura cittadine. Un fil rouge costellato di crudeli omicidi e di episodi inquietanti, in cui si incrociano avventu­rieri e spie, iniziati di logge segrete e abati rivoluzionari, nobili illuminati e poveracci senza pane, ufficiali napoleonici e cortigiane maliarde lega questa vicenda singolare, lunga duecentoventi anni, gettando nuova luce su uno dei monumenti più affascinanti di Bergamo.