Si parla di noi…

 

In questa sezione del catalogo si possono trovare i documenti (libri e materiale multimediale) riguardanti:

-        Bergamo e tutta la bergamasca

-        scritti da autori bergamaschi

-        pubblicati a Bergamo e provincia

-        romanzi ambientati nella bergamasca.

Inoltre, utilizzando i filtri che si trovano sulla sinistra della pagina, è possibile selezionare ulteriormente i documenti.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Risorse Catalogo
× Editore Grafica & arte <casa editrice>
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Cattaneo, Marcella
× Data 2017

Trovati 3 documenti.

Mostra parametri
Giallo bergamasco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carminati, Marco

Giallo bergamasco : intrighi e spie in terra orobica nella Belle Époque : romanzo / Marco Carminati

Bergamo : Grafica & arte, 2018

Abstract: C’è un fil rouge, anzi più propriamente un fil noir, che unisce le Crociate in Terra Santa alla soppressione violenta dei Templari; la “cattività avignonese” del papato al Petrarca ospite dei Visconti nel Castello di Pagazzano; le spregiudicate ambizioni dinastiche di Casa Savoia ai misfatti giacobini e alle trame massoniche internazionali, alla vigilia della Grande Guerra? Parrebbe di sì da quanto emerge dalle indagini sugli omicidi avvenuti durante le seicentenarie celebrazioni petrarchesche nei saloni delle Terme di San Pellegrino, meta mondana delle più raffinate nella Belle Époque, che si spiegano solo alla luce di fatti ed intrecci svoltisi tra le fertili pianure di Damasco, le quinte silenziose del Castello di Pagazzano, nella dolce campagna bergamasca, le pietre gloriose, grondanti di storia, dell’abbazia di Altacomba e molti altri luoghi, fra cui non poteva ovviamente mancare la città santuario delle spie di tutti i tempi, Istanbul, leggendario ponte fra l’Asia e l’Europa. Ma la verità riportata alla luce dagli investigatori è particolarmente imbarazzante in giorni che vedono ammassarsi sul capo di gran parte dell’umanità i terribili venti di guerra e molti vorrebbero poterla cancellare, insieme con le gravi responsabilità personali e collettive, con un colpo di spugna. E in effetti l’eco degli spari registrati in una Valle Brembana sino ad un attimo prima sonnacchiosa e tranquilla, rivelatasi invece a sorpresa uno scrigno di inquietanti misteri ed efferati delitti, non sarà sufficiente ad evitare o sovrastare il fragore di un mondo che di lì a poco si sarebbe scientemente precipitato nel baratro.

Bergamo verso l'Unesco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bergamo verso l'Unesco : Terra di San Marco, da frontiera di pietra a paesaggi vivi di pace : atti degli incontri tenuti a Bergamo nel 2014 promossi dal Comune di Bergamo e dall'Università degli studi di Bergamo, Centro studi sul territorio Lelio Pagani con l'Associazione Terra di San Marco / a cura di Rossana Bonadei ... [et al.]

Bergamo : Grafica & arte, 2016

Gli ultimi leoni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carminati, Marco

Gli ultimi leoni : come le mura di Bergamo furono salvate : romanzo / Marco Carminati

Bergamo : Grafica & arte, 2016

Abstract: Nell'ultimo decennio del 1700, ai tempi della Repubblica Bergamasca, che ebbe peraltro breve stagione, le Mura venete rischiarono di sparire per mano di una setta segreta giacobina. Nel secondo decennio del 2000, e più precisamente nell'anno di candidatura delle stesse Mura a Patrimonio UNESCO, esse hanno corso nuovamente quel rischio, per un folle disegno terroristico casualmente sventato. Questo romanzo narra le vicende singolari di Bergamo nei mesi controversi e appassionati, in cui il cieco fanatismo avrebbe condannato a morte le Mura gloriose, che vennero però rocambolescamente risparmiate. A scoprire i dettagli dell’antica storia, una studentessa del Conservato­rio Donizetti, appassionata di architettura e involontaria testimone di analoghi progetti criminali odierni ai danni delle vecchie Mura cittadine. Un fil rouge costellato di crudeli omicidi e di episodi inquietanti, in cui si incrociano avventu­rieri e spie, iniziati di logge segrete e abati rivoluzionari, nobili illuminati e poveracci senza pane, ufficiali napoleonici e cortigiane maliarde lega questa vicenda singolare, lunga duecentoventi anni, gettando nuova luce su uno dei monumenti più affascinanti di Bergamo.