Si parla di noi…

 

In questa sezione del catalogo si possono trovare i documenti (libri e materiale multimediale) riguardanti:

-        Bergamo e tutta la bergamasca

-        scritti da autori bergamaschi

-        pubblicati a Bergamo e provincia

-        romanzi ambientati nella bergamasca.

Inoltre, utilizzando i filtri che si trovano sulla sinistra della pagina, è possibile selezionare ulteriormente i documenti.

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Fotografie

Trovati 10294 documenti.

Mostra parametri
Eva
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bertasa, Romano

Eva : la partigiana della Val Gandino / Romana Bertasa

Albino : Editoria, [2019?]

Abstract: Ambientato nell'ultimo periodo della II guerra mondiale dove, tra i fatti reali di una guerra fratricida e di liberazione del nazifascismo, si snoda la vicenda immaginata di due giovani reclute delle forze partigiane, dai nomi di battaglia evocativi come Eva e Orso ed un amore che si dimostra più forte delle stragi e delle nefandezze tra le quali si snoda il racconto. Il tutto nella Val Gandino, dove tragedie vere si sono consumate, sia pure con minor eco di stampa e memoria rispetto alle altre più note stragi di quel periodo

Gli aeroplani della Caproni aeronautica bergamasca, 1920-1946
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Abate, Rosario

Gli aeroplani della Caproni aeronautica bergamasca, 1920-1946

Roma : Bizzarri, 1975

Il castello di Cavernago e i conti Martinengo Colleoni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonomi, Giuseppe Maria

Il castello di Cavernago e i conti Martinengo Colleoni / memorie storiche di Giuseppe Maria Bonomi

Bergamo : Bolis, 1884

La sposa italiana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Trigiani, Adriana

La sposa italiana : romanzo / Adriana Trigiani ; traduzione di Roberta Zuppet

Milano : TEA, 2019

Abstract: Bergamo, 1910. C'è tutta la gioia del primo amore nel legame che unisce Enza e Ciro: bellissima e volitiva lei, energico e riflessivo lui, già immaginano la loro vita insieme, a onta delle difficoltà concrete, quotidiane, del loro villaggio tra i monti. Ma il destino ha deciso diversamente:Ciro scopre un segreto troppo grande per il suo animo semplice e viene costretto ad andarsene lontano, addirittura al di là dell'oceano. Finirà per lavorare come apprendista nella bottega di un calzolaio a New York, a Little Italy. E in quel mondo nuovo, frenetico e pieno di possibilità, il pensiero di Enza pare sempre più lontano, sempre più sfumato... È la povertà che spinge la famiglia di Enza a compiere lo stesso viaggio verso l'America. Ferita dall'abbandono di Ciro,la ragazza si dedica anima e corpo al suo lavoro di ricamatrice e, ben presto, inizia a lavorare al Metropolitan, dove realizza abiti lussuosi per le star dell'opera lirica. Ed è lì che incontra un ricco e affascinante americano, deciso a farle dimenticare quell'amore che appartiene a un altro tempo e a un altro continente... Non sapendo di vivere nella stessa città, Enza e Ciro s'incamminano su strade sempre più divergenti: il successo negli affari per lui e la promessa di una vita agiata per lei. Il passato è dimenticato, il presente è sereno, il futuro sembra tracciato. Poi, un giorno, Enza e Ciro si incontrano di nuovo. E tutto cambia.

Tra 'l gnach e 'l pitàch
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Foresti, Ezio

Tra 'l gnach e 'l pitàch : divagazioni sul bergamasco / Ezio Foresti (Vecchio Daino) ; illustrazioni di Emanuele Tomasi (Il Toma)

Bergamo : Sestante, 2019

Abstract: Abbiamo una lingua madre brusca, scontrosa e laconica. Le sue parole spesso tronche sanno d’infanzia, di calore e di casa. E abbiamo una lingua padre più elegante, scorrevole e levigata. Che ci ricorda la scuola, il servizio militare e il mondo del lavoro. Siamo cresciuti così, con i suoni aspri e dolci che ci chiamavano al cibo, al sonno, allo studio. E gli altri suoni più neutri scambiati con la maestra, il commilitone e il collega. Càpita di dimenticarla, la lingua madre, di trascurarla per lungo tempo. Ma tornare a Bergamo e ricominciare a parlarla, dopo un viaggio per dovere o per piacere, è come rimettersi una vecchia e comoda tuta, calzare le pantofole e togliersi le scarpe che fanno male. E ci sembra di poter dire più cose, e a volte dirle meglio, perché smicià, per fare un esempio, non è semplicemente sbirciare, ma è farlo di sottecchi, socchiudendo gli occhi, e la smorfia che si fa pronunciandola è la stessa che si assume nell’atto stesso. Il codeghì è molto più buono del cotechino, forse perché è nostrano, e quando dici föch ti sembra di sentirlo scoppiettare. Per le cose che contano davvero ci bastano due sillabe, e spesso ne serve una sola. La cà, òl pà. L’essenziale per la vita è l’essenziale per la lingua. Nostra madre così ci ha educati, a pretendere poco e di quel poco farne tesoro. Nemmeno il fiato va sprecato, perché la nostra non è una terra generosa. E non importa se non coltiviamo più i campi e la miseria l’abbiamo dimenticata. Il nostro animo contadino pensa ancora a tutti gli inverni che verranno. Ma che supereremo, come abbiamo superato tutti gli altri. Perché è nel nostro carattere, che magari non ha fiammate, ma ha la brasca. E la brasca, lo sanno tutti, non la spegni mai

Aeternum
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Simoncelli, Nazareth

Aeternum : confitemini domino in aeternum misericordia eius / Nazareth Simoncelli

[S.l.] : Creativa, 2019

Abstract: Un giovane mercante di stoffe, segue lo zio, Cavaliere di Malta, nella battaglia di Lepanto. Solo in tre miracolosamente scamperanno alla morte. Ancora scosso per gli echi della battaglia, il giovane deciderà di partire da Malta e ritornare verso il nord dell'Italia, alla ricerca dei luoghi degli avi, delle sue radici, di sé stesso. Sono gli ultimi anni del 1500 primi '600 ed il giovane protagonista incontrerà, con gli amici di viaggio, un'Italia frantumata con la potente Spagna a dominare la scena. Il viaggio d'affari in terre mai frequentate, porterà Aeternum a confrontarsi con le vicende dei tempi, a misurarsi come uomo, marito e padre, ad affrontare le numerose sfide che l'aspettano. Il protagonista è un uomo contro, che insegue e non segue, più usato alla penna che alla spada, insofferente alle ingiustizie, alla vigliaccheria, armato di ambizione ma consapevole dei propri limiti. L'ospiterà la valle Seriana con le raffinate armi prodotte a Gromo e l'unicità dei luoghi ancora selvaggi, dominati dalle stupende cascate del Serio, confine naturale dell'Oltreildragone. Fanno da sfondo alle vicende del protagonista, duelli, vendette e rancori antichi mai risolti. Aeternum non è un eroe e non rappresenta i poteri del suo tempo. È un uomo che non si darà per vinto, lotterà e non si accontenterà di verità scontate e col passare del tempo, saprà affinarsi come un buon vino nella botte.

Guardami
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Guardami : Pepi Merisio : [Bergamo, Convento di San Francesco, 8 maggio-1 settembre 2019] / testi di Denis Curti

[Sondrio] : Lyasis, 2019

Abstract: "Il titolo di questa mostra - 'Guardami' - l'ho voluto proprio io perché era la domanda che facevo ai miei soggetti al primo incontro. Ho sempre pensato, anzi sentito, che la fotografia debba essere un colloquio e se non ci si guarda negli occhi è molto difficile capirsi. 'Guardami', la domanda che c'era nel mio obiettivo fotografico di fronte a un soggetto, uomo o cosa che fosse. E quando lo sguardo quasi faceva scattare da solo l'otturatore, la tensione calava e avevo la sensazione di aver conquistato qualcosa di importante, di vero. Era quindi un discorso di sguardi. E il 'guardami' valeva per tutti i soggetti, persino per i paesaggi, perché in tutte le situazioni c'è proprio il momento magico che quasi esige lo scatto." (Pepi Merisio)

L'ultimo respiro del corvo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brena, Silvia - Salvini, Lucio

L'ultimo respiro del corvo : l'omicidio Caravaggio / Silvia Brena e Lucio Salvini

Milano : Skira, 2019

Abstract: Caravaggio è stato davvero ucciso? Come e da chi? E chi ha voluto la sua morte? Il mistero si nasconde tra le pieghe di una copia di un quadro famoso, il "Martirio di sant'Orsola", dipinto dal Caravaggio poco prima di morire e da molti ritenuto una denuncia del suo assassinio. Un mistero che un critico d'arte sui generis, gay, tormentato, ipocondriaco e coltissimo, è chiamato a risolvere. Un cold case che si dipana nel corso dei secoli e che porterà a scoprire i veri responsabili della morte del pittore, ma anche a sollevare il velo su uno dei peggiori casi di corruzione e malaffare all'interno del Vaticano

Una fiaba bergamasca. 2: Dov'è finita Santa Lucia?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crippa, Nicola

Una fiaba bergamasca. 2: Dov'è finita Santa Lucia? / Crippa Nicola ; illustrazioni di Giulia Diani

[Bergamo] : Lubrina Bramani, 2018

Abstract: Album da colorare. Continuano le avventure della simpatica famiglia di Boculina e del suo cucciolo di "pastore bergamasco" Bob che attraverserà l'alta città scoprendo straordinari percorsi, tra colli, baretti e castelli alla ricerca di Santa Lucia... Età di lettura: da 4 anni.

Bergamo nobilissima
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bergamo nobilissima : la decorazione profana nei palazzi dal Seicento all'Ottocento : un'antologia. Vol. 1 / Giovanni Carlo Federico Villa ... [et al.] ; con una premessa di Giuseppe Pavanello

Cinisello Balsamo : Silvana ; Bergamo : Centro arti visive, 2016

Abstract: Cinquantadue palazzi, decine di artisti e botteghe coinvolte. Dietro facciate silenti e austere, Bergamo cela tesori straordinari, memoria di una storia che vive del rapporto con Venezia e la sua arte: decori a fresco e a tempera, stucchi di eccelsa fattura, una qualità e piacevolezza dell'abitare esito dell'abitudine e quotidianità con la Serenissima Repubblica. Il volume rappresenta il primo tentativo di dare veste organica a un patrimonio ancora oggi pressoché sconosciuto, salvo alcune preminenze, presentando una parte significativa dei decori profani dei palazzi bergamaschi negli anni che dal Barocco giungono al Neoclassicismo e agli ultimi bagliori dell'età romantica. Un lavoro compiuto in ambito universitario da giovani studiosi che, seguito dai due tomi dedicati ai decori tre-cinquecenteschi e, infine, novecenteschi, vuole offrire uno spunto di riflessione sulla ricchezza e complessità del patrimonio italiano generosamente conservato, tutelato e tramandato dalle sue famiglie

Pimpì oselì
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gianini Belotti, Elena

Pimpì oselì / Elena Gianini Belotti

Milano : Feltrinelli, 1996

Abstract: Uno scorcio di storia italiana dagli anni Trenta all'inizio della guerra, tra una valle bergamasca e Roma. Il mondo duro, ostile e chiuso della religione, della miseria, visto attraverso gli occhi allegri e feroci di Cecilia che, nonostante tutto, riesce a crescere. Che cos'era la scuola in quegli anni, in cui i piccoli montanari intabarrati nelle mantelle nere imparavano l'ABC del fascismo, l'Abissinia, i tucul dei negri? Abbandonati un'igiene e a un'alimentazione pietose e imbottiti di catechismi, i bambini alternavano gli stornelli come Pimpì oselì... alle ben più minacciose e altisonanti note di Garrisci al sol che abbella, gagliardo tricolore... Gli espedienti per sopravvivere si rivelano infiniti: i ragazzi si salveranno e salveranno il mondo.

Il dossier Caravage
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Berne Joffroy, André

Il dossier Caravage : psicologia delle attribuzioni e psicologia dell'arte / André Berne-Joffroy ; traduzione di Arturo Galansino

Milano : 5 continents, 2005

Abstract: È la mostra longhiana del 1951 su Caravaggio e i caravaggeschi a dare la spinta iniziale alla ricerca di André Berne-Joffroy pubblicata nel 1959 come Dossier Caravage. Psychologie des attributions et psychologie de l'art. Analizzando la grande letteratura critica artefice della resurrezione di Caravaggio (Kallab, Venturi, Voss e Longhi), Berne-Joffroy conduce il lettore all'avventurosa scoperta del vero Michelangelo Merisi, dipanando una sorta di romanzo psicologico. Dopo quasi cinquant'anni questo Dossier, amatissimo da Longhi, è ancora fondamentale per chi vuole entrare nella tortuosa storia della fortuna critica del più grande precursore dell'arte moderna.

Priula, una strada per vivere le Orobie insieme
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Priula, una strada per vivere le Orobie insieme : passato e prospettive future a confronto : convegno : Piazza Brembana, 18 settembre 1993

[S. l. : s. n.], 1993

Rova
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rova : brevi notizie sul paese e sulla parrocchia della ss. Trinità in Rova o Piangaiano di Endine nel III centenario della fondazione

[S. l. : s. n., s. d.]

Inventario degli archivi aggregati: Comune cessato di Sellere, E.C.A., Opera pia Silvestri, Patronato scolastico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Inventario degli archivi aggregati: Comune cessato di Sellere, E.C.A., Opera pia Silvestri, Patronato scolastico / a cura di Bernardino Pasinelli

[S. l. : s. n.], 1992

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 1
Il giornale dell'anima e altri scritti di pietà
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ioannes XXIII, papa

Il giornale dell'anima e altri scritti di pietà / Giovanni XXIII

4. ed.

Roma : Edizioni di storia e letteratura, 1965

Liber ordinarius divinorum officiorum et consuetudinum Ecclesiae Pergami
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barozzi, Giovanni

Liber ordinarius divinorum officiorum et consuetudinum Ecclesiae Pergami / Giovanni Barozzi ; a cura di Paolo Cavalieri, Michela Gatti, Daniele Piazzi

Cinisello Balsamo : Silvana, 2015

Abstract: Emerge dall'Archivio Capitolare della Diocesi di Bergamo un particolare documento, testimone di storia locale, ma che consente di aggiungere una tessera al mosaico più grande della storia della città nel XV secolo e della storia del culto tra la fine del medioevo e l'età moderna. Pur occupandosi nella sua prima parte di questioni rituali e procedurali di vescovo, capitolo di San Vincenzo (cattedrale) e capitolo di Sant'Alessandro e nella seconda del minuzioso rituale della messa pontificale, cioè presieduta dal vescovo, questo brogliaccio della metà del XV secolo, redatto al tempo del vescovo Giovanni Barozzi, si inserisce nel clima sociale e religioso della Bergamo di quel tempo.

I Conti di Calepio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonandrini, Angelo

I Conti di Calepio : appunti di storia con antologia di scritti e documenti, atlante genealogico / Angelo Bonandrini

Castelli Calepio : Fondazione Conti Calepio ; [Azzano san Paolo] : Bolis, 2015

Non mi allontano dai miei soldati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Non mi allontano dai miei soldati : la drammatica storia del colonnello Ettore Pedrocchi (Clusone 1867-Carso 1917) / a cura di Anna Maria ed Ernesto Pedrocchi

Clusone : Circolo culturale Baradello, 2017

Abstract: Questo libro racconta la drammatica storia del Col. Ettore Pedrocchi (1867-1917) a cento anni esatti dal suo eroico marti??rio sulle doline del Carso, durante la Grande Guerra. Attraverso le tante lettere conservate "religiosamente" nell'archivio di Casa Pedrocchi a Clusone. Queste testimonianze scritte si sono rivelate di fondamentale importanza per conoscere,attraverso le vicende personali,uno spaccato inedito della storia militare italiana,vista con gli occhi attenti di un prode bersagliere. Ad Ettore Pedrocchi, morto il 24 agosto 1917, Clusone ha tributato i più fervidi onori,quali si addicono ad uno dei suoi eroici figli.

Le trame di Bea. [3]: Il segreto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bozzolan, Mara - Nozza, Annalisa

Le trame di Bea. [3]: Il segreto / Mara Bozzolan, Annalisa Nozza ; prefazione di Gabriele Medolago

Viterbo : Scatole parlanti, 2019

Abstract: Archiviata l'incredibile scoperta delle lacrime della Madonna, per Bea è tempo di pensare alle nozze con il suo bel principe Andrea. Malgrado ciò, il profumo dei fiori d'arancio non la distoglie dalle consuete attività, ovvero far riaffiorare delle storie perdute, seguendo la pista di Aldobrando, Ermes e del mito dei cavalieri templari. Il castello di Urgnano è solo il punto di partenza di una nuova avventura, in cui Bea decide di affrontare più a fondo un tema straordinariamente suggestivo: la presunta presenza di Leonardo da Vinci nella bergamasca. Una prospettiva capace di rimettere in discussione ad ampio spettro non solo la storia locale ma anche molti dubbi che hanno da sempre accompagnato la figura del geniale inventore, artista e scienziato, andando a ripercorrere persino le sue passioni personali. Inizialmente Bea deve fare a meno del suo principe, in Francia per questioni di lavoro, ma può contare sugli amici di sempre, ben disposti ad assecondare il suo... imprevedibile intuito. Prefazione di Gabriele Medolago.